11/07/2024

La Biblioteca consiliare Livio Paladin del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia ha riaperto le sue porte al pubblico dopo due anni di stop, con “I Colori delle donne”, mostra collettiva di quadri contro la violenza di genere a cura del Centro italiano femminile di Trieste (Cif). Sono 15 le artiste coinvolte che, tramite la pittura, vogliono sensibilizzare l’opinione pubblica sul problema dei maltrattamenti. Ad inaugurare l’esposizione, visitabile fino al 29 aprile, il presidente del Consiglio regionale, Piero Mauro Zanin, in compagnia del vicepresidente Francesco Russo e del direttore della Biblioteca, Massimiliano Pastrovicchio.

“Fin dall’inizio del mio mandato – ha ricordato il presidente – ho voluto trasformare il palazzo del Consiglio regionale in un palazzo di vetro, aperto nei confronti della comunità, pronto ad ospitare mostre e presentazioni di libri, con i cittadini sempre benvenuti. Credo, infatti, sia fondamentale un’osmosi tra quello che propone la società civile e quello che l’Assemblea legislativa deve fare in termini di regole per la nostra regione. Un tema quello scelto per la ripartenza, la violenza sulle donne, che merita tutta la nostra attenzione, un dramma dell’umanità visto che non passa giorno che la cronaca non ci richiami a questa piaga che sta colpendo la nostra società.”

Sul tema è intervenuta anche la presidente del Cif di Trieste, Maria Trebiciani: “Nell’ultimo periodo, a causa della pandemia, i fenomeni di violenza domestica sono aumentati in maniera considerevole. Problematiche che hanno richiesto maggiore impegno da parte del sodalizio che con questa mostra itinerante, giunta alla sua quarta tappa, mira da un lato alla sensibilizzazione della comunità su questo tema di grande attualità e, dall’altro, ad una raccolta fondi con un’asta benefica dei quadri che servirà per sostenere il nostro sportello antiviolenza”.

Share Button

Comments are closed.