27/09/2022

L’edizione 2021 di Magraid si è conclusa con un bilancio davvero positivo. La manifestazione organizzata dall’A.S.D. Triathlon Team, che ormai da 14 anni promuove il territorio dei Magredi friulani con la corsa nella steppa, ha visto la partecipazione di più di 400 atleti che hanno preso parte alle diverse distanze in programma nella due giorni.
Magraid ha preso il via ufficialmente nella serata di sabato 19 giugno quando gli atleti della 100 km e della 50km+50km sono partiti dalla centrale piazza della Vittoria di Cordenons (PN) alla volta del sito magredile.
L’atmosfera è stata, fin dalla prima serata del sabato, particolarmente festosa, con gli atleti motivati dalla carica ed energia degli speaker, Giampietro Cappellazzi di Xtrim People e Jean-Noel Crozzolo. Per molti infatti si è trattato di un ritorno alle competizioni dopo un anno e mezzo di difficoltà enormi per l’interno mondo sportivo e non solo.
Alle 23:30 sono quindi partiti gli atleti della 100km – circa una cinquantina – e i primi staffettisti, raggiunti poi dai compagni al 50° km, a partire dalle 3 del mattino.


Tra gli atleti della 100km, il primo ad arrivare, domenica mattina attorno alle 8:30, è stato Mattia Malusa dell’A.S.D. Zero D+, che ha concluso la sua performance in 09:05:47. Lo hanno seguito Ivan Cudin, campione europeo della 24 ore e tre volte vincitore della Spartathlon con il tempo di 10:41:31, e Ajet Mani dell’Atletica Monfalcone che ha chiuso la sua gara in 11:01:29.
Tra le donne per la 100km, la prima classificata è stata Lorena Brusamento (G.S. Gabbi), entusiasta del percorso che ha apprezzato in particolar modo nelle ore notturne. Per lei un ottimo crono di 10:44:42. Al secondo posto Lorena Piastra (TX Fitness S.S.D. ARL), presenza storica a Magraid, che quest’anno ha concluso il percorso in 12:49:39. Terza classificata Tiziana Michelizza, giunta al traguardo in 14:31:56.
Per quanto riguarda la 50+50km, gara valevole come Campionato IUTA UltraTrail, la prima coppia di staffettisti uomini a tagliare il traguardo e ad aggiudicarsi il titolo è stata quella composta da Alessandro Fortini e Stefano Pagliari (09:15:18), entrambi alla prima esperienza con Magraid che, nonostante il caldo e la fatica, sono stati molto felici di aver affrontato e che ripeterebbero. «Gara molto impegnativa, soprattutto per la variabilità del terreno, ma ne è valsa la pena».
Anche Giovanni Mastrangelo e Giovanni Iommi, secondi classificati con il tempo di 09:30:44, si sono detti molto contenti per l’esperienza. Per Mastrangelo si tratta dell’esordio come “magraider” e non esclude di provare il percorso in solitaria. «Il paesaggio dei Magredi è davvero incredibile, abbiamo un territorio straordinario a pochi passi da qui.» Dello stesso avviso anche Iommi, partito per primo e che già aveva corso Magraid nel 2017.
Intorno alle 9:30 è infine arrivata la terza coppia di staffettisti uomini, composta da Marco Venier e Pietro Toffoli (10:01:00). Venier era alla prima esperienza in questa manifestazione. Il percorso selvaggio è stato molto duro ma, come ha riferito Toffoli, «proprio in questo sta la bellezza e l’unicità di Magraid».
Per quanto riguarda le coppie miste, quella composta da Tamara Severgnini e Lorenzo Degani (Camisano Running A.S.D.) ha raggiunto la piazza in 11:13:05, seguita da Ivan Furlan e Sonia Furlan (Naonis Tri A.s.d.) che ha chiuso in 13:39:33. La pluricampionessa Monica Casiraghi e la sua compagna Federica Vernò (A.S.D. Marciacaratesi), l’unica coppia femminile, hanno tagliato il traguardo dopo 11:51:15 di corsa.
Domenica è stata quindi la volta dell’altra distanza competitiva, la 30 km, ai cui nastri di partenza si sono presentati oltre 60 atleti. I primi tre classificati tra gli uomini sono stati Marco Ferrante della Laives Runners ASD (2:18:59), Massimiliano Zanchetta della G.P. Livenza Sacile (2:33:45) e Francesco Liut della Azzano Runners (2:39:22). Tra le donne, sul gradino più alto del podio è salita Lucrezia Salvi della G.P. Livenza Sacile (03:07:58), seguita da Stefania Micheluz (Run Card) che ha concluso la sua gara in 3:13:29 e, infine, Miriam Lus dell’A.S.D. Triathlon Lignano Sabbiadoro (3:32:31).
A ruota sono poi partiti gli atleti delle distanze non competitive dei 12km e 6 km.
Anche quest’anno Magraid ha deciso di devolvere parte del ricavato in beneficenza a un’associazione di volontariato sociale del territorio. Quest’anno è stata scelta la Cooperativa Sociale ONLUS Piccolo Principe di Casarsa della Delizia che da anni si occupa di servizi alla persona e di integrazione lavorativa.
Con la premiazione dei primi dieci atleti vincitori delle distanze competitive, alle 15, è infine calato il sipario su questa 14^ edizione di Magraid. A tutti coloro che hanno collaborato, ai partner, ai volontari e all’amministrazione comunale di Cordenons che ha ospitato il campo base nella sua piazza centrale, va il ringraziamento più sincero di tutta l’A.S.D. Triathlon Team.

Share Button

Comments are closed.