26/02/2024

Le disposizioni nel Decreto varato dal Consiglio dei Ministri lo scorso martedì 28 marzo e ora in Gazzetta Ufficiale (Decreto Bollette) contengono una norma che rafforza il sistema normativo penale posto a tutela del personale sanitario, socio-sanitario e ausiliario, introducendo di fatto la procedibilità d’ufficio e aumentando la pena di reclusione anche in caso di lesioni non gravi o gravissime, da 2 a 5 anni, per chi aggredisce operatori sanitari. Per questa decisione soddisfazione anche in Friuli Venezia Giulia da parte di Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale – maggiore sindacato del settore che in regione conta più di 300 iscritti), che plaude anche al nuovo protocollo per la sicurezza (un pulsante d’allarme collegato direttamente con la Questura e un sistema di videosorveglianza potenziato) del presidio medico dell’Ospedale Gervasutta di Udine, dove si sono verificati casi di aggressione al personale sanitario.

“Scelte – sottolinea il dottor Fernando Agrusti segretario regionale Fimmg FVG – importanti per la sicurezza di colleghe e colleghi medici alle prese anche recentemente qui in Friuli Venezia Giulia con gravi aggressioni mentre si stavano prendendo cura dei pazienti. Un plauso al direttore generale di Udine Caporale, alla Questura e alle forze dell’ordine e al Ministero della Sanità che con il Governo ha dato un forte segnale: queste novità sono un deciso passo in avanti nell’arginare il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario”.

“Siamo molto soddisfatti per le disposizioni contenute nel Decreto varato dal Consiglio dei Ministri lo scorso martedì 28 marzo e ora in Gazzetta Ufficiale, perché con queste disposizioni si pone nell’immediato un nuovo elemento che a nostro avviso sarà decisivo nell’arginare il fenomeno delle aggressioni al personale sanitario”: così a livello nazionale Tommasa Maio, Segretario Nazionale Fimmg Continuità Assistenziale, che commenta con favore le disposizioni del cosiddetto “Decreto Bollette” messo in campo dal Governo.

In modo particolare le disposizioni dell’Articolo 16 in materia di contrasto agli episodi di violenza nei confronti del personale sanitario. «Continuiamo a testimoniare un cambio di passo su alcuni dei nodi fondamentali che riguardano il Sistema Sanitario Nazionale – prosegue Maio – e in particolare, rispetto al Decreto Bollette varato dal Governo, l’evidente passo in avanti che questo provvedimento apporta. Segnali più che positivi – conclude Maio – che ci spingono a proseguire con decisione nel dialogo e nel confronto costante con il ministro Schillaci e la parte politica che rappresenta. Un confronto e una richiesta di ascolto che già in passato avevano trovato sensibilità politica e interesse da parte di autorevoli esponenti politici quali il Sottosegretario Marcello Gemmato, il Presidente Francesco Zaffini e l’Onorevole Marta Schifone».

Share Button

Comments are closed.