20/02/2024

Dal 2 aprile si apre una nuova fase per “Futuro Passato – ricordare la memoria”, il progetto di Tinaos realizzato con il contributo di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Comune di Cervignano del Friuli e Fondazione Friuli, che, attraverso la scrittura teatrale, declina il tema della memoria in ogni suo aspetto.

I quattro drammaturghi vincitori del bando teatrale – Caroline Baglioni, Alessandra Di Lernia, Jacopo Giacomoni e Alice Torriani -, guidati dal drammaturgo e tutor Federico Bellini, inizieranno dal 2 aprile al 4 maggio, in collaborazione con il CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia, un periodo di residenza artistica tra il Teatro Palamostre e il Teatro S. Giorgio a Udine, da cui partirà il percorso di indagine sul campo che li vedrà, per un totale di 18 appuntamenti, affiancati da esperte psicoterapeute afferenti ad Athena città della psicologia e impegnati in un lavoro di scrittura che condurrà alla composizione di quattro nuovi testi teatrali: uno vincerà il premio di produzione, agli altri tre sarà garantita la presentazione del testo al pubblico e agli operatori del settore in forma di lettura scenica.

In un connubio di esperienze che abbracceranno formazione, creazione e produzione, “Futuro Passato” articolerà la sua azione fra 4 Comuni, 3 scuole, 2 teatri, 6 fra laboratori e incontri, per più di 100 ore di attività. Nei tre Comuni partner del progetto “Futuro Passato”, Udine, Cervignano del Friuli e Buttrio, e in quello di Tricesimo, i drammaturghi parteciperanno a un ciclo di attività sul tema della memoria che coinvolgerà la cittadinanza sia attraverso le scuole di ogni ordine e grado sia le associazioni del terzo settore che si occupano di inclusione sociale, fragilità familiari e tematiche educative. Una grande occasione di interazione e di formazione, che farà dialogare bambini, anziani, residenti delle case di riposo e le loro famiglie disponibili a far parte del percorso dall’importante valore sociale non meno che artistico. La cultura teatrale si fa così vettore sia di sensibilizzazione sia strumento di promozione della salute.

Dal 4 aprile, per le classi 1^E e 2^B della scuola secondaria di primo grado G. Randaccio di Cervignano del Friuli parte il laboratorio “Cambia_menti”, condotto dalla Dott.ssa Giusy Guarino e dalla Dott.ssa Antonella Brugnetta con il supporto dei drammaturghi di Futuro Passato. Il laboratorio, accolto dalle Prof.ssa Antonietta Massa e Prof.ssa Monica Zamolo, ha l’obiettivo, attraverso una modalità esperienziale e coinvolgente, di indagare le emozioni intorno al ciclo di vita, e alle diverse tappe evolutive, dalla loro a quella dei loro genitori e nonni.

Il 6 aprile comincia il laboratorio per la scuola primaria R. Pitteri di Cervignano del Friuli con la classe 5^B, “Mio nonno si dimentica perché” condotto dalla Dott.ssa Elena Pellarin e dalla Dott.ssa Antonella Brugnetta, accolte dalla maestra Maria Grazia Mongiello, un’occasione per spiegare ai più piccoli cosa sia la demenza e rispondere alle tante domande di chi l’Alzheimer ce l’ha in casa. Quando un nonno si ammala di Alzheimer i nipoti si trovano improvvisamente di fronte ad una persona diversa: i bambini andrebbero accompagnati a capire il perché e cosa causi il cambiamento. Il coordinamento delle attività che si svolgeranno presso la scuola G. Randaccio e la scuola R. Pitteri è della Prof.ssa Giusi Capuano.

Sempre a Cervignano del Friuli, con il Liceo Einstein, si terrà dal 7 aprile, per gli allievi delle classi terze, quarte e quinte dell’indirizzo Scienze Umane, con il coordinamento della Prof.ssa Francesca Poleti, il Laboratorio di drammaturgia teatrale “11 settembre 2001” condotto da Federico Bellini con il supporto dei drammaturghi di Futuro Passato e con gli interventi a cura della Dott.ssa Vittoria Ettorre, psicologa ed esperta in neuropsicologia, in cui verranno approfonditi diversi aspetti legati alla memoria e al ricordo, percorrendo un viaggio all’interno del nostro cervello. A partire da alcuni estratti dal omanzo “L’uomo che cade” di Don DeLillo, si lavorerà sulla ricostruzione della memoria di quel tragico avvenimento, visto da uno dei più importanti narratori americani. Ai partecipanti sarà richiesto di realizzare interviste per cercare di ricostruire i fatti dell’11 settembre 2001, esplorando l’interpretazione narrativa della nostra memoria collettiva. A seguire, Federico Bellini, drammaturgo, autore e traduttore dall’esperienza internazionale, coadiuvato dai quattro drammaturghi vincitori del bando “Futuro Passato”, avvicinerà gli allievi alla scrittura e alla realizzazione scenica di un testo teatrale.

A Tricesimo, il 6 aprile parte invece il laboratorio di memory training “La palestra della memoria”, in collaborazione con Anteas Regione FVG ODV, condotto dalla Dott.ssa Alessia Carta, con interventi dei drammaturghi di “Futuro Passato”.

Recenti studi hanno dimostrato come un’attività di memory training regolare e protratta nel tempo, sfruttando il processo di neuroplasticità, rinforzi le capacità cognitive di memoria residue e compensi quelle meno attive perché poco utilizzate o perché fisiologicamente deteriorate. Si comprenderà così, attraverso l’insegnamento di strategie di memorizzazione, un modo per contrastare il calo delle prestazioni di memoria associato al normale processo di invecchiamento.

Dall’8 aprile, i residenti della Casa di Riposo “V. Sarcinelli” di Cervignano del Friuli, attraverso la tecnica della “Reminiscenza” condotta dalla Dott.ssa Antonella Brugnetta, saranno portati a esprimersi sul loro passato e a dialogare con i drammaturghi, che diventeranno così i testimoni delle loro storie. La naturale propensione di ricordare eventi del passato da parte dell’anziano genera in lui emozioni positive. Nelle persone affette da demenza dove la memoria episodica e quindi il ricordo è compromesso l’utilizzo della tecnica della reminiscenza diventa una modalità di ripescaggio di momenti legati alla vita quotidiana del passato remoto. Attraverso oggetti o parole chiave, l’anziano sarà accompagnato a narrarsi rispetto alle proprie esperienze vissute nell’epoca della sua età da adulto.

Tutti i laboratori saranno documentati e le interviste ai soggetti coinvolti, ai drammaturghi e ogni tipo di appunto o riflessione comporranno il diario della memoria che confluirà in un documentario curato da Mimetòs di Teresa Terranova sull’intera esperienza. Strumento importante di dialogo con l’esterno, usato per testimoniare quanto avviene nell’ambito di queste attività, sarà la piattaforma Sonar (www.ilsonar.it), anche partner tecnico, già utilizzata per contenere i testi degli autori finalisti del bando “Futuro Passato”. In particolare, saranno rese disponibile delle “pillole video” e una chat che avrà la funzione di far interagire le comunità con i drammaturghi.

Un momento del processo documentativo dell’attività di “Futuro Passato” e punto centrale per il lavoro dei drammaturghi, ci sarà tutti i mercoledì, a partire dal 6 aprile: a disposizione del progetto “Futuro Passato”, con la curatela di Mimetòs di Teresa Terranova col supporto di Federico Bellini e il coordinamento della Dott.ssa Antonella Brugnetta, sarà infatti lo Sportello Alzheimer di Cervignano del Friuli, uno spazio dedicato ai caregivers di anziani con demenza che si occupano dei loro cari a domicilio con l’obiettivo di offrire una consulenza dedicata al caso specifico e delle strategie di assistenza più funzionali in relazione alle difficoltà cognitive e comportamentali correlate alla malattia. Mimetòs si occuperà delle interviste ai familiari dei soggetti con demenza che vi parteciperanno. Il punto di vista dei pazienti è probabilmente differente da quello dei loro familiari, anche se riferito allo stesso evento; questo è particolarmente interessante per la drammaturgia, in quanto permette un allenamento a prendere punti di vista differenti a seconda dei personaggi trattati in un testo.

Aperto a tutti senza limiti d’età, sabato 9 e domenica 10 aprile in collaborazione con il Comune di Buttrio, e con l’Associazione Culturale RicercArti, nel Parco della Villa di Toppo Florio (in caso di maltempo ci si sposterà nella palestra presente nel Parco), la danzatrice e coreografa Martina Tavano terrà il Laboratorio di danza gratuito “La scatola dei ricordi”, aperto a tutti coloro che abbiano voglia di condividere ricordi, spazi, tempi, sensazioni, danze e divertimento. Si esplorerà il tema della memoria attraverso il vissuto personale dei partecipanti, delle loro esperienze e dei loro corpi di età diverse. Ai partecipanti verrà richiesto di portare una scatola con 3 elementi: una musica, un’immagine e un oggetto.

La ricerca si concluderà con un lavoro in cui si performerà il vissuto delle ore passate assieme. L’iscrizione al laboratorio, gratuita e senza limiti di età (Green Pass rafforzato obbligatorio), non richiede esperienza pregressa di danza. Inizio ore 14.30, durata 2 ore al giorno più pausa. Per un massimo di 15 partecipanti. Iscrizione obbligatoria entro e non oltre lunedì 4 aprile a info@tinaos.com indicando nome, cognome e recapito telefonico. L’assegnazione dei posti disponibili avverrà rispettando l’ordine cronologico di arrivo della mail di partecipazione. L’organizzazione comunicherà in tempi utili la conferma di iscrizione.

Sono partner di “Futuro Passato ricordare la memoria”: Comune di Udine, Comune di Cervignano del Friuli, Comune di Buttrio, Azienda Sanitaria Universitaria Friuli Centrale, CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia, Athena città della psicologia, Anteas Regione FVG ODV, Associazione Culturale RicercArti, Mimetós, Bottega Errante edizioni, partner tecnici Sonar e B&B I Personaggi.

Share Button

Comments are closed.