13/05/2024

Si chiude con un nulla di fatto e quindi con l’archiviazione, dopo dieci mesi di indagini condotte dalla Procura di Udine e dai carabinieri, il complesso lavoro di verifica seguito alle dichiarazioni di Luca Urizio, Presidente della Lega di Gorizia, in merito al ritrovamento negli archivi della Farnesina, di un documento del 12 ottobre 1945 che indicava nella zona di Rosazzo e del Bosco Romagno, in Friuli, l’esistenza di foibe con centinaia di persone uccise su ordine dei partigiani Sasso e Vanni.

Non esiste alcuna prova dell’esistenza di queste foibe, anche se fatti di sangue nella zona ce ne furono. Già nel 1945 vennero riesumate circa 60 salme, poi tumulate nei cimiteri. Le indagini sono state condotte sul territorio, negli archivi romani e ascoltando le residue testimonianze. Una vicenda che si è chiusa con costi per la collettività ed ha alimentato polemiche, strumetalizzazioni e vecchi veleni.

Share Button

Comments are closed.