11/08/2022

In occasione della giornata mondiale contro abuso e traffico di droga, il vice governatore del Friuli Venezia Giulia ha ricordato che i dati indicano l’aumento delle  nuove sostanze psicoattive e il cambiamento   dei modelli di consumo la presenza di nuovi mercati e nuovi narco-trafficanti. I decessi per droga sono in crescita.

Nel 2018 in Friuli Venezia Giulia  i servizi hanno preso in carico 4.234 utenti tossicodipendenti dei quali oltre 900 sono nuovi utenti. A livello regionale la fascia maggiormente colpita è quella che va dai 30 ai 49 anni con oltre 2.000 persone prese in carico dai servizi. Ma preoccupa anche la realtà minorile: dei 233 ragazzi con meno di 20 anni i nuovi utenti sono stati 141.

“I dati nazionali e quelli regionali – commenta il vicegovernatore con delega alla Salute e Politiche sociali   – ci dicono che siamo davanti a un problema in evoluzione”.

La cronaca ha confermato la presenza sul mercato di sostanze vecchie e nuove, come la  terribile “eroina gialla”.

Inoltre il problema della dipendenza da droghe rimane purtroppo ancora caratterizzato da una vasta area di sommerso, alimentata dalla paura e dalla vergogna di chiedere aiuto. In questo contesto una delle realtà più preoccupanti è la difficoltà degli adolescenti di rivolgersi ai servizi sociali: La Regione Friuli Venezia Giulia a tal proposito ha istituito un portale dove si possono trovare informazioni e approfondimenti

http://www.dipendenzefvg.it/dipendenze/sostanze-illegali/approfondimenti

Share Button

Comments are closed.