31/01/2023

In alcuni momenti balzano alla cronaca i donatori di sangue, soprattutto nelle emergenze come il terremoto. Quasi sempre passano in secondo piano le notizie che potrebbero far apprezzare il meritevole lavoro svolto dalle organizzazioni che raccolgono, conservano e gestiscono le riserve di sangue per la distribuzione nelle strutture che ne fanno richiesta.
In regione l’ADFS svolge questo incarico capillarmente con diverse sezioni comunali come quella di Codroipo che da cinquantaquattro anni organizza e accoglie i donatori del Medio Friuli. Ogni sezione AFDS propone vari momenti felici di aggregazione, dove si trovano tutti insieme per almeno una cena e con l’occasione si consegnano dei riconoscimenti a coloro che hanno raggiunto un certo numero di donazioni.

ernimg_0156
In questo momento però il presidente della sezione di Codroipo lamenta un calo del quantitativo che potremmo supporre sia dovuto principalmente alle norme che dettano dei limiti: per donare sangue bisogna avere almeno 18 anni e, per donare sangue intero al massimo 65 anni, mentre per le donazioni di plasma e piastrine il limite è di 60 anni. È necessario pesare almeno 50 Kg, essere in buone condizioni di salute e condurre uno stile di vita senza comportamenti a rischio.
Prima del prelievo, il medico effettuerà una valutazione clinica del donatore (battito cardiaco, pressione arteriosa, emoglobina) e un breve colloquio preliminare.

ernimg_6253
Donare il sangue è semplice. Chi sceglie di diventare donatore può recarsi, possibilmente a digiuno, in uno qualsiasi dei centri trasfusionali per la donazione del sangue nel proprio territorio. Per informazioni sulla donazione e sul centro o punto di donazione, si può consultare la pagina web portaledeldono.it dell’AFDS (associazione friulana donatori di sangue). In alternativa si possono ricevere informazioni chiamando il numero del call center regionale 0434 223522, dalle 07.30 alle 18.00 e sabato dalle 08.00 alle 12.00.
In questo momento manca sangue dei gruppi ZERO positivo e negativo e B negativo.
Il volume di sangue prelevato, stabilito dalle norme, è di 450 millilitri per ciascun donatore, all’incirca il 10% della quantità presente in tutto il corpo. Le donne che assumono farmaci anticoncezionali non devono sospenderli. In occasione del prelievo, al donatore saranno offerte bevande e, dopo la donazione, un ristoro (generalmente un caffè, un cappuccino o un thè accompagnato da una brioche). Ai lavoratori dipendenti è riconosciuta una giornata di riposo retribuita.
L’intervallo minimo tra una donazione di sangue e l’altra è di 90 giorni per gli uomini e di 180 per le donne in età fertile. Le donne non possono donare sangue durante la gravidanza e per un anno dopo il parto. Di norma, gli uomini possono donare sangue intero 4 volte l’anno, mentre le donne 2.
I donatori di sangue non sono eroi, non sono speciali, non sono migliori, sono molto di più: brave persone, molto sensibili, che hanno la coscienza di poter fare molto per aiutare gli altri nel momento del bisogno, senza sacrifici. Donare il sangue fa bene al donatore e contribuisce alla buona gestione del servizio sanitario, sia nella normalità, sia nelle emergenze.

ernimg_6274
Alla serata per la consegna degli attestati c’erano moltissimi iscritti, presente il presidente della sezione comunale di Codroipo Mauro Ciani, Vittorino De Clara, Enrico Fuser, Luigi Ceccato con il consigliere della città di Codroipo Claudio Tomada e il sindaco Fabio Marchetti.
Tra i premiati quest’anno per i record raggiunti segnalo i “GOCCIA D’ORO” (coloro che hanno fatto 75 donazioni per le Donne e 100 per gli uomini) a Danilo Bellomo, Michela Carrillo e Ermes De Paulis.
Marco Mascioli

Share Button

Comments are closed.