18/05/2024

Un margine operativo EBIT dell’8,8% e un risultato netto pari a 200.287 euro, con un patrimonio  netto di 9.473.589 euro e la distribuzione di un valore aggiunto sul territorio pari a 1.292.273  euro. Sono alcune delle cifre del bilancio 2020 del Cosef, Consorzio di sviluppo economico del  Friuli, approvato   dall’Assemblea dei soci.

Dal 2018, il COSEF, il nuovo Consorzio per lo Sviluppo economico per l’aresa del Friuli, rappresenta  la quattro più importanti aree industriali del Friuli (ZIU, Alto Friuli, Cividale, Aussa Corno) con 306  aziende, 18 milioni di metri quadrati di superficie e quasi 9 mila addetti.      

“Siamo molto soddisfatti dei risultati ottenuti – ha dichiarato il presidente Claudio Gottardo -, che  sono positivi e fanno ben sperare per il futuro, considerando che sono stati conseguiti in un  periodo di forte crisi. Ci sono le premesse – ha aggiunto – affinché il Cosef si rafforzi sempre più  come realtà di sistema, al servizio del sistema imprese-territorio”.

Il  Cosef ha portato anche a termine una serie di interventi sui territori finanziati con leggi  regionali.

In particolare, sono stati effettuati altri interventi di manutenzione per un totale di 307.658 euro,  e sarà avviata la realizzazione di una rotatoria a intersezione tra il casello autostradale e la strada  provinciale 49 nell’area della ZIAF, Zona Industriale Alto Friuli, per un impegno pari a 630.000  euro. Con un intervento da 1.080.000 euro (703.163 finanziati dalla Regione) sono in cantiere due  nuovi binari del raccordo ferroviario in Alto Friuli.

In fase di realizzazione anche numerosi altri interventi finanziati con delegazione amministrativa  dalla Regione o con leggi regionali: i lavori nel compendio portuale di Porto Margreth (Porto  Nogaro) per 312.500 euro; il nuovo scalo ferroviario a servizio della Zona Industriale Udinese (1°  e 2° lotto), per 3.120.000 euro; nella ZIAF, il completamento della viabilità e la manutenzione  della rete fognaria (1° lotto) per 1 milione di euro; la sistemazione e il potenziamento della rete di  raccolta delle acque meteoriche e di fognatura (1° lotto), per 380.000 euro; la sistemazione e il  potenziamento della rete di raccolta delle acque meteoriche e di fognatura (2° lotto), per 643.750  euro.

IL NUOVO CENTRO DIREZIONALE

Un investimento di 5 milioni di euro voluto dal nuovo consiglio di amministrazione presediuto dal dottor Claudio Gottardo per dare corpo a una missione: non solo “fare sistema”, ma “essere sistema”. È l’impegno previsto dal  Cosef, Consorzio di Sviluppo Economico Locale del Friuli, per la realizzazione di un nuovo Centro Direzionale nell’ambito della ZIU, Zona Industriale Udinese, a disposizione di tutte le attività terziarie. Con una superficie di circa 2.350 mq, il complesso sarà dotato di un Centro Servizi per le funzioni di reception e security, sala congressi per proiezioni e videoconferenze, centro medicina del lavoro, mensa, asilo nido, palestra e ampi parcheggi interrati e a raso. Il taglio del nastro è previsto tra circa un anno e mezzo. Per la ZIU, che conta 5 milioni di metri quadrati di superficie, 149 aziende insediate, 2 miliardi e 100 mln di euro di fatturato complessivo e 4.523 addetti, il nuovo Centro sarà un nuovo fiore all’occhiello. E un volano di sviluppo per il  Cosef, che gestisce 4 aree industriali, offrendo servizi a 320 aziende insediate, nonché il più importante servizio logistico ferroviario della regione Friuli Venezia Giulia con tre scali, oltre 60.000 carri annui movimentati e un porto che gestisce annualmente oltre un milione e duecentomila tonnellate di merci varie.

Share Button

Comments are closed.