26/02/2024

Di Marco Mascioli

Oltre cinque mesi fa i Lancieri di Novara sono partiti dal reparto di Codroipo per svolgere la loro attività in Libano ad Al-Mansouri, ove è dislocato il Comando Italbatt della Missione a guida Italiana. Nell’ambito dell’operazione Leonte XXX, sotto l’egida delle Nazioni Unite, il comando del gruppo squadroni con oltre duecento “baveri bianchi”, sta attualmente operando in osservanza della risoluzione 1701 dell’ ONU fornendo sostegno alle forze armate libanesi e alla popolazione civile, anche attraverso progetti di cooperazione Civile – Militare, abbinati al controllo della cessazione delle ostilità. 

Il mese scorso, i militari italiani di ITALBATT, compreso il gruppo squadroni del 5° Regimento Lancieri di Novara, hanno concluso un importante ciclo di donazioni in favore della popolazione libanese, con la cessione di materiale sanitario e dispositivi di protezione individuale al Comitato della Croce Rossa Internazionale di Tiro. 

I Caschi Blu italiani si sono recati anche presso la Kana Technical School di Hannawiyah, cittadina nei pressi di Tiro, per donare dispositivi sanitari per il contrasto al contagio da COVID-19 e attrezzature scolastiche, quest’ultime frutto della disponibilità del Comune di Trieste il quale, grazie all’interessamento dell’Associazione Nazionale Arma di Cavalleria, ha messo regalato una cospicua serie di arredi e attrezzature scolastiche. 

La lontananza dei militari in missione, con l’approssimarsi delle festività natalizie, fa sentire la mancanza in particolare tra i parenti, i partner e soprattutto i figli più piccoli che, sebbene coscienti dell’importanza dell’operato del loro genitore impegnato in Libano. Grazie alle tecnologie disponibili, hanno organizzato un collegamento in videoconferenza tra una piccola rappresentanza di militari collegati dalla base di Al-Mansouri e il reparto di Codroipo.

A porgere gli auguri dal Medio Friuli c’era il sindaco di Codroipo Fabio Marchetti, accompagnato dal Comandante della 132^ Brigata Corazzata Ariete, Generale di Brigata Roberto Banci, il Comandante dei Lancieri di Novara, Il Colonnello Massimo Pezzarossa e alcuni familiari dei militari rischierati. Dal Libano, a rispondere all’incoraggiamento e agli auguri, il Comandante della pedina operativa del contingente nazionale, su base 66° Rgt Fanteria Aeromobile Trieste , il Colonnello Marco Licari che con il Comandante del Gruppo Squadroni del Rgt Lancieri di Novara (5°), comandato dal Tenente Colonnello Federico Boldrin, hanno esternato la propria gratitudine al sindaco e alla comunità per la vicinanza dimostrata anche in questa occasione, ricambiando i voti augurali per le festività natalizie.

Grande emozione quando dopo il Sindaco, il generale e il comandante di reparto, ha preso la parola un bambino di cinque anni per salutare suo papà e tutti i suoi colleghi che rimarranno all’estero almeno sino a febbraio del prossimo anno. 

Share Button

Comments are closed.

Open