11/06/2024

Riccardo Illy – candidato indipendente al Senato – ha visitato una tra le più importanti realtà vitivinicole del Goriziano, nata alla fine degli anni Sessanta per volontà di alcuni viticoltori cormonesi: la cooperativa Cantina Produttori Cormòns.

Attenzione a produzione agroalimentare, cultura e accoglienza – punti contenuti nel programma “Evoluzione Condivisa” di Riccardo Illy. Nei progetti futuri della Cantina fare rete. Creare in futuro una piattaforma digitale sulla quale esporre i propri prodotti e i servizi ma soprattutto diventare promotori del territorio; il nostro brand deve essere riconosciuto come eccellenza del Friuli Venezia Giulia, possibilmente del Collio Goriziano, e di

Cormòns – grazie anche a una grande operazione di rebranding con nuove nuove etichette le nuove bottiglie di Ribolla Gialla. Nell’occasione Illy ha legato alla tematica della giornata il 4° punto del suo programma Evoluzione Condivisa per il Friuli Venezia Giulia: Turismo inteso come sinergia fra produzioni agroalimentari, cultura e accoglienza: Ciò che può creare il legame con il turista è un servizio studiato ad hoc; dare la possibilità di assaggiare in loco i prodotti, far visitare il luogo di produzione. Costruire strutture recettive per l’accoglienza del turista, formula di gran lunga gradita agli ospiti.

Nel suo tour in Friuli Venezia Giulia, Illy ha incassato anche l’approvazione della Comunità Slovena. “Sono tornato per puro spirito di servizio – ha detto il candidato indipendente ai rappresentanti della comunità slovena- per cercare cooperazione con chi avrà interesse di proseguire quel lavoro lasciato in sospeso 10 anni fa”. Presente all’incontro anche la candidata Tatiana Rojch, ” Dall’istruzione, alla salute, alle infrastrutture – con il quadruplicamento della rete ferroviaria Trieste-Monfalcone e il collegamento Trieste-Capodistria a beneficio del Friuli Venezia Giulia, L’opera infrastrutturale é di interesse europeo, dunque finanziabile in gran parte da eurobond, senza pesare sulla collettività”. Illy ha segnalato sinergie anche nel settore turistico: “dal potenziamento infrastrutturale scaturirà una spinta propulsiva con vantaggi in termini economici dati dallo sforzo nel campo turistico e agroalimentare e nel settore dell’accoglienza, dove la Slovenia riveste un ruolo importante e cruciale, con le sue tradizioni da conservare”.

Share Button

Comments are closed.