14/07/2024






Dal 21 gennaio a metà marzo, i piloti delle frecce Tricolori incontreranno gli studenti di 8 scuole secondarie di primo e secondo grado, tra Udine e Pordenone e dalla motagna al mare per la la decima edizione “A scuola con  le Frecce Tricolori”, sostenuta dalla Fondazione Friuli.  L’iniziativa, che ha coinvolto fino ad oggi 92 scuole e 20 mila studenti, è stata presentata nella sala convegni della Fondazione, a Udine.  Una collaborazione tra scuole, Pattuglia Acrobatica PAN  e Fondazione Friuli che è vista con  favore sia da parte dell’Ufficio Scolastico Regionale che da parte dell’Aeronautica Militare, data la possibilità che offre ai piloti di diffondere nel tessuto scolastico i valori dei quali la PAN si fa portatrice nel mondo, ovvero rispetto, senso del dovere, spirito di sacrificio, valorizzazione del merito, lealtà, impegno e gioco di squadra.

Valori che si caricano ancor di più di significato comunicazionale per i giovani  – ha sottolineato il presidente della Fondazione Friuli Giuseppe Morandini – in questa edizione che coincide con il sessantesimo anniversario della pattuglia.  L’ascolto da parte dei  giovani dei racconti e delle esperienze portate dai piloti avviene sempre in grande silenzio, indicativo  di massima attenzione, momento ideale per la trasmissione di messaggi importanti.

“Anche per noi è una occasione di crescita poterci confrontare con i giovani che devono affacciarsi al mondo del lavoro – ha affermato il comandante della Pattuglia Acrobatica Ten. Col. Gaetano Farina – per traferire i valori che cementano  il volo acrobatico collettivo, massima espressione del lavoro di squadra delle forze Armate e del sistema Paese”. Il Comandate ha ricordato alcuni  appuntamenti che caratterizzeranno la sessantesima stagione acrobatica, tra i quali  il grande evento del 19 e 20 settembre  e la partenza di una tappa del Giro d’Italia dalla base di Rivolto.

Il vice governatore del Friuli Venezia Giulia Riccardo Riccardi ha sottolineato che con questa iniziativa si pongono in evidenza valori sui quali spesso si è voluto derogare, in quanto  dati per scontati.

Riccardi, richiamando  il suo ruolo di responsabilità nel campo sanitario, si è soffermato sul grande sforzo culturale e politico che si sta compiendo per ridurre la distanza tra chi vive e sopravvive, volendo trasformare le strutture sanitarie in qualcosa che assomigli il meno possibile ad una struttura sanitaria. Anche nei luoghi di cura ci sono i giovani, che necessitano non solamente di percorsi clinici per guarire ma di sogni, di modelli, di valori. Fare scuola in questo senso anche negli ospedali oltreché tra i giovani degli istituti scolastici è un invito che l’assessore alla salute ha rivolto alla Pattuglia e alla Fondazione , sicuro di trovare un futuro interlocutori sensibile e generoso.

ASCOLTA la sintesi dell’intervento di Giuseppe Morandini, presidente Fondazione Friuli

ASCOLTA la sintesi dell’intervento del Te.Col. Gaetano Farina, comandante Frecce Tricolori

ASCOLTA la sintesi dell’intervento di Riccardo Riccardi, vice Governatore ass. Salute FVG

Share Button

Comments are closed.