01/10/2022

Saranno 550 le squadre al via, sabato 1 e domenica 2 dicembre,
per la 20esima edizione della corsa solidale. Tante anche le iniziative collaterali
Sold out per la Staffetta Telethon 24 per un’ora che, dalle 15 di sabato 1 alla
stessa ora di domenica 2 dicembre, farà muovere il cuore di Udine a passo di corsa e
solidarietà.

Si sono già chiuse, con diversi giorni di anticipo, le iscrizioni per
l’edizione numero 20 della manifestazione, che ha raggiunto il tetto massimo di 550
squadre, imposto per garantire a tutti di prendere parte all’evento benefico in
sicurezza.

Presenze record che fanno ben sperare il Comitato Udinese Staffette
Telethon, guidato da Marco de Eccher, e l’Asd Udine Sport e Solidarietà, sodalizio
che affianca il comitato nella gestione dell’evento, di poter superare anche la cifra di
220mila euro raccolta nell’edizione 2017 e interamente devoluta alla Fondazione
Telethon per sostenere la lotta contro la malattie genetiche rare.

Come negli anni precedenti la BNL – gruppo BNP Paribas – partner e tesoriere
della Fondazione Telethon ,nonché promotore storico della Staffetta 24x1H sarà
aperta al pubblico con la sede di Via Mercatovecchio per raccogliere le donazioni
nelle giornate di Sabato 1 Dicembre dalla 10 alle 22 e di Domenica 2 Dicembre dalle
10 alle 18.

TESTIMONIAL SOLIDALI. I gravi danni causati anche nella nostra regione
dall’ondata di maltempo di fine ottobre, che ha messo in ginocchio tantissimi
Comuni, non hanno lasciato indifferenti gli organizzatori della Staffetta. Che hanno
scelto di ‘investire del ruolo di testimonial’ dell’edizione 2018 una rappresentanza dei
sindaci dei territori più colpiti. Saranno loro i protagonisti della prima ora della
Staffetta, per manifestare, in un ideale abbraccio, la vicinanza di tutto il Friuli, ma
anche per lanciare un messaggio di speranza e ripartenza dopo le devastazioni subite.
A dare ufficialmente il via alla corsa sarà, come ormai tradizione, la Fanfara
della Brigata Julia, che darà il ritmo ai primi staffettisti.

STAFFETTA GIOVANI. Accanto alla 24 per un’ora, non mancherà la Staffetta
Giovani che, dopo il successo del 2017, manterrà il ruolo di ‘apripista’ della due
giorni all’insegna della corsa e della solidarietà. I ragazzi delle scuole regionali,
infatti, scatteranno alle 9.30 di sabato 1 dicembre e avranno tutti i riflettori puntati
su di loro, con start e premiazioni dedicate. Il percorso sarà lo stesso dello scorso anno, ma non mancheranno le sorprese.
Diversi, infatti, i testimonial del mondo dello sport che accompagneranno gli studenti nella loro staffetta. L’organizzazione è stata messa a punto grazie all’impegno dell’Ufficio scolastico per l’Educazione fisica e
sportiva di Udine, coordinato dal professor Claudio Bardini.
Proprio nell’ambito delle premiazioni della Staffetta Giovani, sarà consegnato
un riconoscimento speciale a Filippo Lauretig, lo studente del corso di grafica del
Civiform di Cividale che ha disegnato lo speciale logo per i 20 anni della
manifestazione; salirà sul palco assieme a tutti i compagni che hanno partecipato al
concorso indetto dalla scuola in collaborazione con il Comitato.

TRACCIATO. Il percorso, messo a punto e testato da Stefano Scaini, sarà
un’assoluta novità. L’anello, ricavato come sempre nel cuore di Udine, è stato
‘allungato’ a 1.700 metri, per consentire di accogliere un numero maggiore di team.
La novità principale sarà il giro ad anello di piazza I Maggio, che ospiterà anche il
Villaggio per le squadre. Lo start sarà fissato in piazza Libertà, da dove si proseguirà
per via Mercatovecchio, vicolo Portanuova, piazza I Maggio (con giro completo
dell’elisse), via Manin, via Vittorio Veneto, piazza Duomo, via Stringher, via
Savorgnana, via Cavour e ritorno al punto di partenza.

SOSTEGNO ALLA RICERCA. Non cambia, invece, l’obiettivo della
manifestazione, ovvero la raccolta fondi a favore della ricerca scientifica per le
malattie genetiche rare. Udine, caso unico in Italia, è stata abbinata ormai da anni a
un progetto specifico. Le donazioni permetteranno di sostenere una delle ricerche in
corso sulla malattia di Pompe, grave disfunzione metabolica di origine genetica che
colpisce i muscoli. Lo studio, sostenuto dalla Fondazione Telethon, si svolge
all’Icgeb di Trieste, con il coordinamento del Centro regionale per le malattie rare
dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Udine.

ALLENAMENTO. E per avvicinarsi al meglio della forma all’appuntamento,
giovedì 22 novembre alle 19 in piazza Libertà è in programma il secondo
allenamento collettivo. Sarà un’occasione per carpire tutti i suggerimenti per sfruttare
al meglio l’ultimo periodo di preparazione per la Staffetta anche grazie ai consigli
della campionessa europea di maratona, Anna Incerti, e ai rappresentanti dei Corsi
di Scienze Motorie e Scienze dello Sport dell’Università di Udine.

EVENTI COLLATERALI
TELETHON IN ACQUA. Dopo il successo della prima edizione, domenica 25
novembre torna la ‘Staffetta di nuoto a squadre’. L’evento, abbinato alla 24 per
un’ora, si svolgerà in contemporanea nella piscina Aquarius di Magnano in Riviera e
negli impianti Atlantis di Gemona. Sarà possibile nuotare dalle 9 alle 15, in una
staffetta a squadre, composte ognuna da 12 persone, con cambio ogni mezz’ora. La
partecipazione e l’iscrizione sono gratuite: ogni partecipante/squadra donerà una
somma a proprio piacimento, che sarà interamente devoluta a favore di Telethon. Le
iscrizioni sono aperte fino al 23 novembre.

CALICI DI SOLIDARIETA’. Per chi non se la sente di correre, ma anche per
rifocillarsi o per prepararsi alla propria ‘fatica’, sabato 1 a partire dalle 17 scatta un‘apericena solidale’ al Contarena.
Pronte a scendere in campo l’associazione Vini
buoni d’Italia, che offrirà 300 bottiglie di vino, Caffarel che tenterà tutti con le sue
dolcezze, Dentesano con i suoi prosciutti e l’azienda Centro Friuli che fornirà un
maxischermo per la proiezione di video e foto. Non mancheranno gli ospiti speciali.

CONCORSO FOTOGRAFICO. Cos’è Telethon per voi? E’ questa la domanda
alla quale tutti potranno rispondere, raffigurando con uno scatto gesti, emozioni,
solidarietà e amicizia che caratterizzano la Staffetta, prima, durante e dopo la corsa.
Pubblicate (entro il 15 dicembre) le vostre foto su Facebook menzionando
@TelethonUdine o su Instagram con l’hashtag #telethonudine2018: la Giuria di
Telethon selezionerà gli scatti migliori. La foto più bella diventerà la copertina
dell’edizione 2019 e, assieme alle altre immagini più significative, entrerà a far parte
di un calendario speciale curato dai ragazzi del Civiform di Cividale. Saranno inoltre
estratti otto ingressi alla Spa di Portopiccolo, partner del concorso.

VILLAGGIO TELETHON. In piazza I Maggio ci sarà uno spazio\ritrovo
all’interno del tendone delle squadre, nel quale saranno presenti le aziende Wolf (con
il suo prosciutto), Dbb (con le sue bevande), Biofarma (con i suoi prodotti) e
l’associazione Sei di Udine se…. Non mancherà l’animazione: anche in questo caso,
tutto il ricavato delle offerte sarà devoluto alla Fondazione Telethon. Sarà presente
anche il caricaturista Federico Cecchin che realizzerà i suoi disegni a fronte di
un’offerta libera, sempre destinata alla ricerca contro le malattie genetiche rare.

Come da tradizione, grazie alla preziosa collaborazione con
l’Anbima Fvg, non mancheranno le bande regionali, che si alterneranno nell’arco
delle 24 ore e daranno il ritmo ai corridori.

La consegna dei pettorali avverrà venerdì
30 novembre nella tensostruttura di piazza I Maggio dalle 17 alle 21. Per chi viene da
fuori città, ci sarà la possibilità di ritirare il materiale anche sabato mattina, nell’Info
Point di PromoturismoFvg (posizionato proprio sotto il Castello, sempre in piazza I
Maggio). L’accesso per i mezzi (camper/gazebo), unicamente in base ai posti
assegnati, sarà possibile sabato 1 dicembre dalle 8 alle 14. Giardin Grande sarà
completamente chiusa al traffico veicolare, ma sarà possibile utilizzare i parcheggi
multipiano cittadini, che rimarranno aperti con orari prolungati per tutta la durata
della manifestazione.

Lungo l’itinerario della Staffetta Giovani e della 24 per un’ora saranno presenti
varchi, presidiati dai volontari, che consentiranno l’attraversamento in sicurezza.

UN PO’ DI NUMERI. Negli anni, la staffetta è cresciuta sempre più, fino a
coinvolgere, nell’ultima edizione, ben 460 squadre per un totale di oltre 12mila
podisti, tra i quali agonisti e semplici amatori, che scendono in pista per l’occasione.
Numeri importanti, che testimoniano la grande solidarietà dei friulani, e non solo,
consentendo – solo nel 2017 – di raccogliere 222.000 euro, interamente devoluti a
favore della ricerca scientifica.

Share Button

Comments are closed.