18/08/2022

Con 26 voti favorevoli, 15 astenuti e un solo contrario, il Consiglio regionale ha chiuso la seduta pomeridiana approvando l’articolo 6 della manovra di Assestamento, relativo ad attività culturali, sport e tempolibero, materie di competenza dell’assessore Tiziana Gibelli.

Tredici gli emendamenti approvati, con il via libera anche a due proposte delle Opposizioni. Le variazioni più significative sono arrivate su indicazione della Giunta: sarà l’Esecutivo regionale ad attuare, per conto del Comune di Gorizia, gli interventi e le attività previsti dal progetto Borgo Castello finanziato dal Pnrr, con una anticipazione finanziaria di 2 milioni di euro, e la possibilità di integrare con 7 milioni la somma prevista per il progetto. Con un altro emendamento, la Giunta si impegna a recuperare la funzionalità della sede storica dell’Unione Ginnastica Goriziana, con una spesa di 730mila euro.

Di fronte alle osservazioni critiche di Massimo Moretuzzo (Patto) e Sergio Bolzonello (Pd), che si sono chiesti se il Comune di Gorizia non fosse consapevole fin da subito di non poter attuare il progetto del Pnrr, Gibelli ha spiegato che “in più della metà delle regioni i Comuni hanno dato le chiavi in mano a enti strumentali gestiti dall’amministrazione di area vasta. E noi dobbiamo convincerci che Gorizia-Nova Gorica 2025 è un’occasione unica per l’intero Friuli Venezia Giulia”.

Approvata anche una serie di emendamenti che vedevano come primo firmatario Diego Bernardis (Lega): disposta la proroga dei contributi per l’organizzazione di manifestazioni che sono state posticipate a causa del Covid, lo stanziamento di 84mila euro per scorrere la graduatoria dei bandi relativi alla divulgazione scientifica, lo scorrimento dei bandi per iniziative legate al centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini, con ulteriori 273mila euro a disposizione (con l’ok a un subemendamento proposto dai consiglieri del Patto, Moretuzzo e Giampaolo Bidoli), ulteriori risorse per i progetti relativi ad attività espositive (per 67500 euro).

Giuseppe Nicoli, capogruppo di Forza Italia, ha chiesto e ottenuto di concedere un contributo di 150mila euro all’Usci per l’allestimento della sede nazionale della Federazione associazioni regionali corali. Lo stesso Nicoli, assieme agli altri consiglieri forzisti Mara Piccin e Franco Mattiussi, ha disposto uno stanziamento di 150mila euro per assicurare un contributo alle federazioni sportive che hanno subìto un calo del numero dei tesserati tra il 2019 e il 2022, a causa del Covid.

Mauro Bordin, capogruppo della Lega, anche attraverso un subemendamento del collega di gruppo Alfonso Singh, è invece il primo firmatario dell’emendamento che stanzia 1 milione e 300mila euro per dare sostegno, tramite il Coni, alle associazioni dilettantistiche sportive che gestiscono impianti e hanno subìto un aumento dei costi energetici. Approvata infine una proposta di Roberto Cosolini (Pd) su un ulteriore incentivo, per 50mila euro, alla creazione, lo sviluppo e il consolidamento delle imprese caratterizzate da rilevante connotato culturale e creativo.

Sono stati invece bocciati 7 emendamenti del Pd che vedevano come primo proponente il capogruppo Diego Moretti, 3 emendamenti a firma Bidoli-Moretuzzo e le proposte di Mariagrazia Santoro (Pd), Enzo Marsilio (Pd), Franco Iacop (Pd) e Marko Pisani (Ssk). Ritirati o ricollocati gli emendamenti di Maddalena Spagnolo (Lega), Danilo Slokar e Stefano Turchet (Lega).

Share Button

Comments are closed.