06/12/2022

Permettere l’accesso al credito anche a soggetti generalmente considerati “non bancabili” è l’obiettivo dell’innovativa soluzione studiata da Crédit Agricole FriulAdria in accordo con Cooperativa Noncello e Fondazione Well Fare di Pordenone, ente a partecipazione pubblico-privata impegnato a sostenere attraverso la finanza sociale le persone a rischio di emarginazione.

Fondata 40 anni fa a Pordenone per offrire un’opportunità di lavoro a persone fragili o in condizione di vulnerabilità economica, la Coop Noncello impiega oggi oltre settecento addetti in varie tipologie di servizi. Con questa iniziativa, nell’ambito dell’ampliamento del proprio programma di welfare, la Cooperativa intende favorire l’accesso al microcredito dei propri soci lavoratori, mettendo a disposizione degli stessi strumenti di credito assistiti da garanzia e percorsi di tutoraggio finanziario.

l’iniziativa prevede che la Cooperativa segnali alla Fondazione, all’interno del perimetro dei propri dipendenti in servizio, i possibili beneficiari che posseggono i requisiti necessari per accedere all’agevolazione. Successivamente, la Fondazione presenterà le richieste alla Banca impegnandosi a garantire la restituzione dell’eventuale finanziamento tramite uno specifico fondo di garanzia alimentato da risorse della Fondazione stessa. L’importo finanziato può arrivare a 5 mila euro, con rate fino a 60 mesi.

“Per Coop Noncello lo strumento approvato rappresenta un importante traguardo nell’insieme delle iniziative messe in atto negli ultimi anni per lo sviluppo di progetti di inclusione lavorativa sul territorio pordenonese, regionale e interregionale – ha dichiarato Stefano Mantovani presidente della Cooperativa Noncello – Riconoscersi ed essere riconosciuti come lavoratori corrisponde spesso all’inizio di un percorso che modifica la nostra identità.. Per molti dei nostri soci lavoratori questa convenzione permette di avere accesso a credito per la prima volta nella vita”

“Per Fondazione Well Fare Pordenone è un ulteriore passo nella costruzione della “casa comune” tra soggetti del territorio che si incontrano per sostenere persone fragili ed in difficoltà, anche momentanea,. ha dichiarato Gianfranco Verziagi, presidente della Fondazione.

“Con questa iniziativa, Crédit Agricole FriulAdria riafferma il proprio impegno nel campo dell’inclusione sociale sperimentando soluzioni finanziarie innovative mai attuate prima e che potrebbero in futuro essere adottate anche da altre realtà del terzo settore”, ha dichiarato Massimo Ritella, direttore regionale della Banca.

Share Button

Comments are closed.