24/01/2022

Di Marco Mascioli  

Tra i grandi eventi tradizionali del Friuli Venezia Giulia, in occasione della festa della befana, c’è l’incendio del fiume Stella ad Ariis di Rivignano Teor (UD) che la sera del giorno 5 del mese di gennaio di ogni anno vedeva tantissima gente affluire nei pressi di Villa Savorgnan Ottelio per assistere al fuoco acceso sotto la befana, su una zattera nel mezzo del fiume.

Fa parte della scenografia anche un presepe galleggiante e ogni anno l’evento veniva arricchito con manifestazioni collaterali nuove. La musica interpretata dai giovanissimi della Banda Primavera, gli atleti del “Canoe Club Fiume Stella” con le fiaccole accese scendevano lungo il fiume trasportati dalla corrente per poi risalire affrontando la forza impetuosa e irrefrenabile dell’acqua. Giochi di luce all’interno della villa, con opportuni effetti sonori e un intenso fumo, sembravano bruciasse tutto l’edificio con fiamme che poi si trasformavano in veri fuochi d’artificio, lasciando tutti gli spettatori a bocca aperta. Tutto ciò sino al 2020 (https://euroregionenews.eu/stella-brucia-di-fuoco-controllato) mentre dallo scorso anno, la pandemia di Covid19, con l’aumento dei contagi a seguito delle festività natalizie, sono stati costretti ad annullare l’evento.

Villa Ottelio Savorgnan è stata considerata una delle bellezze abbandonate, non curate e decadenti. Ariis è un piccolo incantevole borgo a pochissimi chilometri da Rivignano Teor, del quale è frazione. La Villa Ottelio – Savorgnan di cui solo il suo splendido parco è visitabile, affacciato sul fiume Stella e, da pochi anni assegnata al Comune che, grazie ai fondi regionali, sta restaurando tutto il complesso. Ripristinato il muro perimetrale che oggi si presenta in tutto il suo splendore originale. Hanno ripristinato i tetti e ora, oltre al parco, è visitabile e fruibile anche il magazzino del sale.  Già approvato il progetto preliminare di recupero della villa padronale che, data la complessità della burocrazia in tema di strutture protette considerate “belle arti”, dovremmo assistere all’avvio dei lavori entro quest’anno.

Grazie all’impegno dell’amministrazione comunale, al Comitato sorto per la valorizzazione della Villa e alla Pro Loco Cuore dello Stello di Ariis, stanno valorizzando lo storico edificio con eventi e manifestazioni. In questi giorni hanno organizzato l’esposizione di presepi realizzati dagli studenti di Rivignano Teor, Pocenia e Torsa che resterà aperta tutti i giorni, dalle 8 alle 20, sino al 31 gennaio. 

La villa originariamente fu un castello e “il castello di Ariis” trova menzione in documenti storici che riferiscono dell’esistenza di una struttura castellana nel 1266. La proprietà divenne della famiglia Savorgnan nel 1339 e il castello fu smantellato e trasformato in residenza nobiliare verso la fine del XVIII secolo e passò alla famiglia Ottelio all’inizio del 1800.

Poi c’è la storia di Romeo e Giulietta, di cui ormai risulta conclamata l’origine friulana delle vicende che la ispirarono il dramma di Shakespeare scritto fra il 1592 e il 1596. Indiscutibilmente resa famosa dalla  trasformazione in commedia di alcune traduzioni in inglese di Arthur Brooke “The tragical History of Romeus and Juliet” (1562) e di William Painter “The goodly history of the true and costant Love between Rhomeo and Iulietta “ (1567). La trasposizione dei fatti, nel testo originario, fu però dettata da ragioni di prudenza pudica, essendo lo stesso Luigi Da Porto, autore della novella  «Giulietta e Romeo», cambiando appositamente nomi e luoghi, ambientando la vicenda a Verona per coprirne l’origine autobiografica, trattandosi di due nobili famiglie friulane legate parentalmente.

Lo spettacolo pirotecnico a villa Ottelio è stato sempre più sbalorditivo e, sebbene non si sappiamo cosa ha in mente il Sindaco Mario Anzil e soci, credo che la befana del prossimo anno ci premierà con gli arretrati di due anni senza “incendio del fiume Stella”. La passione della gente, insieme con amministratori volenterosi e industriosi, realizzano spettacoli veramente eccezionali, come quello di Ariis di Rivignano Teor. Così per questo 2022 ci hanno invitato a filmare l’evento realizzato appositamente per condividere, attraverso uno schermo, la tradizione che non sarà dimenticata grazie al particolare impegno del presidente della Pro Loco Sandro Zoccolan e dell’assessore di Rivignano Teor Massimo Tonizzo.

Share Button

Comments are closed.

Cheap Tents On Trucks Bird Watching Wildlife Photography Outdoor Hunting Camouflage 2 to 3 Person Hide Pop UP Tent Pop Up Play Dinosaur Tent for Kids Realistic Design Kids Tent Indoor Games House Toys House For Children