18/08/2022

Di Marco Mascioli

Era il 1921, quando approvarono lo statuto ed elessero Arrigo Muggiani primo presidente della Federazione Italiana Basketball che ufficialmente nacque il 21 dicembre. In quella data sancirono l’uscita dalla Federazione Ginnastica Nazionale Italiana, che gestiva tutti i giochi di squadra dell’epoca. Da quel momento in poi, la pallacanestro (che inizialmente si chiamava Palla Al Cesto) in Italia vide un costante aumento delle squadre iscritte e dagli anni trenta anche le ragazze iniziarono il loro campionato, sebbene con numeri nettamente inferiori. Tra le grandi squadre che sin dall’inizio vinsero i vari campionati c’era sempre Trieste. 

Nel 1937 nacque il primo campionato unico di serie A, a dieci squadre. Lo stesso anno la Nazionale maschile, in Lituania, vinse l’argento nei Campionati Europei. Le ragazze fecero meglio: l’anno successivo vinsero l’oro, a Roma, ai primi campionati Europei femminili. 

Nel 1940 e nel ’41 la Ginnastica Triestina 1863 vinse lo scudetto per due anni di fila, quando si giocava per lo più su campi di terra battuta, di dimensioni diverse. Nel 1944, verso la fine della seconda guerra mondiale, nasce l’APU Associazione Pallacanestro Udinese. A Gorizia la pallacanestro era parte integrante dell’’Unione Ginnastica Goriziana, costituita già nel 1868 (sotto l’impero asburgico), ma il primo incontro ufficiale della Pallacanestro Gorizia risale al 1920.  

Insomma, in Friuli Venezia Giulia la pallacanestro è sempre stato uno sport molto partecipato e, negli anni, ha regalato grandi soddisfazioni. I più affezionati, che hanno partecipato attivamente a scrivere la storia del basket nella nostra regione sono sicuramente Flavio Pressacco, Roberto Collini, Roberto Ponticiello e Marino Firmani che, con l’ausilio della famiglia Boniciolli, adesso hanno avuto l’idea di trascrivere i loro ricordi e quelli di altri che prima di loro erano attivi in questa disciplina, allo scopo di tramandare le vicende che hanno fatto grande questo sport nella nostra regione. 

Del resto da noi sono nati e cresciuti tantissimi campioni del basket che si sono fatti strada sia a livello nazionale, sia internazionale, a partire da Arcado Biasatti, che da Beano di Codroipo è stato il primo italiano a giocare in NBA negli Stati Uniti nel 1946. 

La storia della nostra pallacanestro nel secolo scorso è stata strettamente legata all’economia delle industrie che, a partire da Rino Snaidero, sono entrate per passione e ne hanno consentito sia la crescita dello sport, sia delle aziende. In quel periodo il Friuli Venezia Giulia, con Trieste e Udine in particolare, erano diventate famose e italiane, proprio grazie alla pallacanestro. 

Il loro progetto editoriale e multimediale è articolato in tre parti basate su riferimenti temporali chiari: dagli albori al 1976 (anno del terremoto); il secondo volume arriverà sino alla fine del secolo scorso, mentre l’ultimo terza sarà dedicato al ventunesimo secolo (probabilmente il periodo più triste per il basket FVG). 

Attraverso l’analisi del fenomeno basket, con le implicazioni a carattere socio-economico, attraverso testimonianze dei protagonisti di ieri e di oggi, compresi dirigenti e manager che hanno consentito lo sviluppo della pallacanestro in regione, intesa come importante strumento di crescita giovanile e veicolo promozionale.

Il FVG ha dato molto alla pallacanestro nazionale sin dal secondo dopoguerra, all’interno dell’evoluzione economico-sociale-culturale e geo-politica della regione anche nel contesto internazionale. Tra le vicende narrate in questo trittico non potranno mancare le donne che, con le squadre femminili e le atlete partecipanti alla nazionale, hanno spesso surclassato gli uomini per i risultati conseguiti. 

La presentazione ufficiale del progetto editoriale è stata fatta nella sala Kugy del palazzo della Regione FVG a Udine, alla presenza del presidente del Consiglio Regionale Piero Mauro Zanin, del presidente del CONI regionale Giorgio Brandolin, tanti ospiti del mondo dello sport regionale e soprattutto del basket, ovviamente.

Il primo volume è previsto sia in distribuzione entro il 21 dicembre prossimo, nel centesimo anno della federazione italiana basket. 

Share Button

Comments are closed.