16/06/2019

“Per dare prospettive all’Europa bisogna riportare al centro del potere decisionale i cittadini e le comunità regionali e locali. Dando più potere al Comitato europeo delle Regioni nell’approvazione delle direttive e delle leggi da sottrarre alla Commissione Ue che, come si sa, è molto sensibile al potere finanziario e alle lobby”.

Lo ha affermato il presidente del Consiglio regionale Piero Mauro Zanin intervenendo alla sessione di apertura dell’8° summit europeo delle Regioni e delle Città organizzato dal Comitato europeo delle Regioni a Bucarest, appuntamento che assume ancora maggiore rilievo per essere ospitato dalla presidenza del Consiglio della Ue che la Romania ricopre nel primo semestre di quest’anno.

“Il contesto è importante per riflettere sul ruolo che le Regioni e le Città europee rivestono nel sistema della Ue e sulla risposta che sono in grado di dare alle questioni relative alla coesione sociale e territoriale e alla costruzione di un futuro sostenibile per le future generazioni” – ha sottolineato Zanin in accordo con il presidente del Comitato europeo Karl-Heinz Lambertz, mentre il Primo ministro rumeno Vasilica-Viorica Dàncilà ha rivendicato con forza l’adesione del suo Paese alla Ue che ha portato alla Romania significative risorse per lo sviluppo, determinando progresso sociale ed economico.

“Forte è la preoccupazione per le prossime elezioni del

Parlamento europeo percepita in tutti gli interventi – ha commentato Zanin -, ma non si possono però dare risposte di tipo autoassolutorio attribuendo ai cittadini l’incapacità di cogliere i meriti dell’Europa. Sono invece convinto che la distanza tra comunità e istituzioni europee dipenda dal fatto che i decisori sono di fatto cooptati, spesso autoreferenziali e frutto di un sistema che spesso difetta di democrazia”.

Nel suo ruolo di membro del Comitato europeo delle Regioni è presente al vertice anche il consigliere regionale Franco Iacop.

All’incontro sono intervenuti anche il sindaco di Bucarest, Gabriela Firea e il segretario esecutivo della Commissione economica dell’Europa delle Nazioni Unite, Olga Algayerova.

Share Button

Comments are closed.