19/11/2019

ASCOLTA IL SERVIZIO:

Tra le diverse declinazioni dell’Hockey, sul ghiaccio, su rotelle e su sedia, quest’ultima sta dando grandi soddisfazioni. La Squadra Azzurra che ha esordito per la prima volta in assoluto il 22 novembre 1997 a Milano, nel 1998 la prima competizione internazionale, nel 2002 il torneo quattro Nazioni che sancì la nascita del movimento internazionale dedicato al Wheelchair Hockey. Il medagliere della nostra nazionale è composto dal 3° posto agli Europei del 2005 e del 2008, 4° posto Mondiale (Italia 2010) e ancora un 5° posto Europeo (Finlandia 2012). 1° posto al 4-Nations Tournament (Svizzera 2011), il 2° posto nel 6-Nazioni FIWH UILDM 2016, il 2° posto agli Europei 2016 e il 2° posto nel test mondiale 5 stars International a novembre 2017.

La grande soddisfazione è arrivata a Lignano Sabbiadoro, nel Palabellaitalia, con il risultato di maggior rilievo: la vittoria del titolo Mondiale agli IWAS Powerchair Hockey World Championship tra il 24 settembre e il 1 ottobre 2018. 

Terminati i festeggiamenti e le celebrazioni per la storica vittoria del mondiale per la Federazione Italiana Wheelchair Hockey è arrivato il momento di pensare al futuro. Dopo la decisione di Saul Vadalà di rassegnare le proprie dimissioni dopo il raggiungimento dell’obiettivo mondiale, il Presidente Federale Antonio Spinelli si è trovato costretto a un rimpasto generale della squadra azzurra. A prendere in mano la nazionale italiana campione del mondo ora c’è Luca Vittadello, dopo vent’anni da giocatore sia nella nazionale, sia nei Coco Loco Padova, sia nei Thunder Roma. 

Proprio a Lignano Sabbiadoro, nel villaggio Bella Italia & Efa, Luca si è trovato per la prima volta nella nuova veste, con il principale impegno di costruire una nazionale nuova, con la quale affrontare gli impegni futuri. Dal 12 al 14 aprile il primo Campus di selezione con venti convocati tra i quali scegliere la nazionale azzurra dopo lo storico titolo mondiale, in preparazione al Campionato Europeo 2020. 

I convocati per la selezione della nazionale provengono ovviamente da tutto lo stivale, anche se il Nord Est come sempre predomina: Ignea Ion (Black Lions Venezia); Di Ruzza Ilaria (Black Lions Venezia); Ranzato Simone (Black Lions Venezia); Granzotto Patrick (Black Lions Venezia); Franzo’ Alessandro  (Black Lions Venezia); Ronsval Andrea (Skorpions Varese); Fierravanti Michele (Albalonga Wheelchair Hockey Albano Laziale); Mastrostefano Diego (Albalonga Wheelchair Hockey Albano Laziale); Sciuva Davide (Blue Devils Genova); Tortora Luigi (Blue Devils Genova); Toniolo Fabio (Cocoloco Padova); Tognin Emma (Cocoloco Padova); Roberto Graziano (Magic Torino); Tolla Nicola (Magic Torino); Stefano Casagrande (Treviso Bulls); Fatmir Kruezi (Vitersport Viterbo); Di Gesaro Mario (Sharks Monza). Inoltre ci sono in lizza anche tre atleti che giocano in Friuli Venezia Giulia: Claudio Comino (Alma Madracs Udine); Gabriele Torcutti (Alma Madracs Udine); Diego Masoli (Alma Madracs Udine). 

Il neo c.t. Luca Vittadello era completamente immerso nel suo nuovo incarico, mettendo alla prova gli atleti presenti nella palestra sopra la Piscina Olimpica del Bella Italia & Efa Village e, prima di rimanere completamente senza voce, ha dichiarato che l’emozione per il nuovo incarico è mescolata alla felicità per la presenza di tanti giovani atleti, molto motivati, che ora sta preparando per il nuovo ciclo della nazionale, pronti a replicare i successi del passato. 

Avendo visto la nazionale vincere il titolo mondiale proprio al Palabellaitalia lo scorso anno, il project manager Marino Firmani ha augurato buon lavoro al nuovo CT Vittadello per la selezione degli atleti, sicuro che il Bella Italia & Efa Village di Lignano Sabbiadoro e la regione Friuli Venezia Giulia, oltre a mettere a disposizione le strutture e l’ospitalità, continueranno a portare quel pizzico di fortuna che non guasta mai. 

Marco Mascioli 

Share Button

Comments are closed.