18/01/2018

I buon  lavoro che abbiamo fatto in Friuli Venezia Giulia non può essere messo in discussione da quelli che sono stati degli indubbi errori fatti dall’UDC nazionale. Proprio per quello che abbiamo fatto come persone, come soggetti politici locali legati al territorio, e ci sono diversi sindaci espressi dall’UDC, noi non abbiamo timore di ripresentarci con lo stesso simbolo, perchè abbiamo lavorato e chiediamo all’elettoraro di giudicarci per quello che abbiamo saputo fare. Lo afferma Alessandro Tesolat, consigliere regionale uscente dell’UDC e che si ricandida alle regionali sempre con la stessa bandiera, dal cui logo però sparisce il nome di Casini per lasciar posto a quello di Friuli Venezia Giulia. Nell’intervista, Tesolat si è soffermato sulla legge per le reti di impresa, da lui elaborata nella scorsa legislatura, e che troverà attuazione nella prossima per favorire la competitività internazionale delle imprese del Friuli Venezia Giulia.

Buon ascolto

Share Button