18/12/2018

ASCOLTA IL SERVIZIO:

No all’istituzione di nuove professioni sanitarie che rischiano di determinare una pericolosa sovrapposizione di ruoli. E’ quanto ha sottolineato il  Presidente della Commissione Albo Odontoiatri (CAO), Giovanni Braga, in occasione dell’assemblea annuale. “Ricordo a tutti i cittadini – ha dichiarato il Presidente Braga – che la diagnosi delle malattie del cavo orale è riservata esclusivamente ai professionisti iscritti all’Albo degli odontoiatri”.

Sul fronte dell’inasprimento delle pene per l’esercizio abusivo della professione, la Commissione esprime soddisfazione grazie ai risultati conseguiti con la legge Lorenzin.

Continua la campagna permanente della Commissione Albo Odontoiatri sulla prevenzione, che passa  attraverso i controlli regolari e soprattutto un corretto stile di vita.  Il prossimo anno anche nelle scuole primarie e secondarie del Friuli verranno organizzati incontri di sensibilizzazione.

I dati relativi al tumore del cavo orale destano preoccupazione.  IL Friuli Venezia Giulia, assieme a Veneto e Trentino, si posiziona al vertice della classifica con 180 nuovi casi per 100 mila abitanti ogni anno, percentuale cinque volte superiore rispetto alle altre regioni e inferiore solo a quella dei tumori al polmone.

Il rischio aumenta in soggetti che sono contemporaneamente fumatori e bevitori di ben 15 volte in più rispetto a quanti non fumano né bevono.

Le cause di questo tumore sono certe: fumo, alcol, cattiva igiene orale, alimentazione scorretta, inquinamento ambientale e sesso non protetto, e vengono chiamati in causa anche microtraumi ripetuti nel tempo (corone dentarie traumatizzanti, protesi mobili incongrue) e una percentuale variabile dal 15 al 40 per cento dei tumori del cavo orale insorge su malattie della bocca e su lesioni asintomatiche già presenti da molti anni.  I tumori orofaringei rappresentano il 15 per cento della totalità dei tumori maligni.

Un ringraziamento particolare è stato rivolto  rivolto agli odontoisatri che prestano la loro opera nei servizi di diagnosi precoce attivati nell’ambito del progetto di Odontoiatria pubblica. Grazie a questa preziosa risorsa è possibile dirimere in tempo reale i dubbi diagnostici che, non tempestivamente affrontati, potrebbero tradursi in patologie molto più complesse da affrontare.

Share Button

Comments are closed.