03/08/2020

Di Marco Mascioli

Venerdì 24 luglio alle 18.00 nel Museo Carnico delle Arti Popolari di Tolmezzo prenderà avvio il festival “Frattempi, arte e artigianato nella Valle del Tempo” con il concerto di Edoardo De Angelis intitolato “il Tempo sconosciuto”. 

Stiamo parlando di Edoardo De Angelis, una delle pietre miliari della musica italiana. Forse non ricordi Lella, gli Schola Cantorum, ma se non sei troppo giovane potresti ricordare “Gara di sogni”, un album pubblicato nel 1992 che contiene 11 brani in duetto con Mario Castelnuovo, Paola Turci, Amedeo Minghi, Luca Barbarossa, Lucio Dalla, Francesco Di Giacomo (Banco del Mutuo Soccorso), Angelo Branduardi, Bungaro, Ron e Antonello Venditti. Edoardo De Angelis fu coautore con Francesco De Gregori di “La Casa di Hilde”. Nel 2012 tenne un concerto con Neri Marcorè e Claudio Baglioni sul palco, in Piazza Duomo a Spilimbergo, per Folkest. Con venti album da solista sulle spalle e la collaborazione con i più famosi cantanti e cantautori italiani degli ultimi cinquant’anni, ha tutt’ora una grinta e una passione crescenti e non escluderei l’uscita di una altro disco di inediti come un paio d’anni fa con “Nuove Canzoni” (“Anna è un nome bellissimo” era il brano più noto).  

Edoardo De Angelis è anche il direttore artistico della rassegna “Frattempi”, il festival promosso dall’Associazione Culturale CulturArti in collaborazione con il Comune di Prato Carnico, assieme ad altri partner (Associazione Culturale Folkgiornale, Musica del Sud, Pro Val Pesarina e Fondazione “Michele Gortani”), ed è finanziato dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dalla Fondazione Friuli.

Il Festival intende promuovere l’incontro tra il mondo produttivo, l’artigianato di qualità e la creatività. Frattempi privilegerà le eccellenze del territorio che producono strumenti musicali e orologi. La sede principale degli eventi sarà la Val Pesarina, la “Valle del Tempo”. Oltre a Prato Carnico, verranno coinvolti diversi altri comuni regionali: Palmanova, Paularo, Spilimbergo (grazie alla collaborazione con Folkest), Tolmezzo e Udine. Alcuni eventi saranno realizzati all’interno delle botteghe artigiane e preceduti da una visita guidata che permetterà al pubblico di immergersi nella “cultura del fare”, scoprendo la storia e lo sviluppo nel tempo di alcune realtà produttive d’eccellenza del territorio. 

Il Festival vedrà la partecipazione di nomi illustri del panorama artistico regionale, nazionale e internazionale: dall’attore Enzo Decaro con l’ensemble Mikrokosmos, al cantautore Piero Sidoti con il giornalista Massimo Cotto (giornalista radiofonico, scrive per Il Messaggero ed è direttore artistico di Area Sanremo) e poi ancora il cantautore siciliano Francesco Giunta accompagnato alla chitarra da Giuseppe Greco, la bravissima chitarrista friulana Paola Selva con l’attrice Aida Talliente, l’illustratrice Cat Zazà, la fotografa carnica Ulderica Da Pozzo e il giovane regista friulano Stefano Giacomuzzi. 

Frattempi terminerà a giugno 2021 con un evento speciale: il clavicembalista francese Jean Rondeau chiuderà la rassegna suonando i clavicembali costruiti nel laboratorio dei Fratelli Leita a Prato Carnico. 

Share Button

Comments are closed.