17/07/2019

ASCOLTA IL SERVIZIO:

Si chiama tappabuche, da quattro anni in Ialia, derivato  da tecnologia tedesca, all’inizio  sperimentato sulle strade piemontesi, perchè di Torino è la Combicons ,società  che ha importato, perfezionato  e brevettato la tecnologia  e poi, l’ scorso anno, via a tappare le   buche stradali di Roma e di Torino.   Ma solamente in questi giorni ha fatto capolino a Udine, per la prima volta in Friuli Venezia Giulia, per dimostrare come si fa a tappare le buche di una strada in pochi minuti e con un materiale resistente ,    emulsione bituminosa specifica, appositamente messa a punto per Combicons  in Italia dalla Total Erg,  composto che non teme escursioni termiche  tanto da poter considerare la tappatura definitiva. L’applicazione prevede quattro fasi distinte: la pulizia dell’area da trattare tramite aria con deposito di inerte specifico; finitura tramite pedana vibrante per livellare la strada tramite l’utilizzo di sabbia e cemento coprenti.

Alla dimostrazione hanno assistito, con una certa incredulità,  tecnici di Friuli Venezia Giulia strade e di amministrazioni comunali. Questo metodo, operativo in Friuli Venezia Giulia attravero la società Sicura srl di Pasian di Prato, ha una serie considerevole di vantaggi. Buche anche di 20 centimetri di profondità vengono colmate in pochi minuti, senza chiudere la strada al traffico veicolare e senza l’impiego di complicati sistemi tecnici. Una squadra di quattro uomini, un camion appositamente attrezzato che

irrrora a caldo il bitume miracoloso, senza bisogno di piastre riscaldandi da appoggiare sull’asfalto e il gioco è fatto. Alla dimostrazione erano presenti  l’ing. Enrico Vergnano (Presidente e Amministratore Delegato di Combicons Srl  e Luca Zufferli, referente del metodo  tappabuche in Friuli, che  assicura che anche da punto di vista dell’economicità del metodo siamo ben lontani dai costi che richiedono i sistemi tradizionali, in quanto i risparmi , al di là dell’intervento, si calcolano anche sulle minori manutenzioni stradali grazie alla resistenza del prodotto.  Se poi aggiungiamo l’assenza di disagi per gli automobilisti e la maggiore sicurezza di una strada senza buche, la convenienza diventa ancora più evidente.

Share Button

Comments are closed.