19/01/2021

All’orizzonte la sesta edizione di Suns Europe, organizzato annualmente dalla cooperativa Informazione Friulana, editrice di Radio Onde Furlane. Il festival delle arti in lingua minorizzata torna, dopo l’emergenza Covid-19, con un programma non meno ricco di quello a cui ci ha abituati negli ultimi anni, ma con delle novità.

  Una su tutte il Concertone: quest’anno si terrà al Castello di Udine il 30 agosto alle 21, ad ingresso gratuito con posti limitati e  con prenotazione obbligatoria sul sito.  L’organizzazione ha deciso anche di rimandare al 2021 la competizione, ma sul palco ci saranno sempre proposte musicali di alta qualità.  Da segnalare anche la significativa presenza femminile di questa edizione, che vedrà sul colle del Cjistiel artisti con un’età media di 30 anni.  «Spesso si sente dire che le lingue minoritarie fanno parte di un retaggio vecchio, stantio – hanno spiegato gli organizzatori –. Noi con Suns Europe cerchiamo da tempo di sfatare questo falso mito.   Sul palco avremo molti giovani che hanno scelto di coltivare la loro passione per la musica cantando nella loro lingua madre». 

SUNS FRIÛL – Nonostante le molte difficoltà, come detto, gli organizzatori  non hanno voluto lesinare sul programma, tanto che si partirà il 22 agosto, in piazza Venerio, con Suns Friûl – vetrina dedicata alle nuove produzioni musicali friulane – per proseguire fin oltre la metà di settembre con moltissimi appuntamenti sparsi qua e là per il Friuli e fatti di musica, sì, ma anche di cine (cinema), e leterature (letteratura) declinati nelle lenghis minorizadis (lingue minorizzate) del Vecchio Continente.

Tutto il programma e le info sono su http://www.sunseurope.com/ e sulla pagina Facebook SUNS Europe.

Share Button

Comments are closed.