22/10/2018

“E’ una presa per i fondelli nei confronti delle imprese e della Provincia che gestisce gli incentivi mettendoci l’impegno e la faccia”. Lo afferma il presidente della Provincia di Pordenone, Alessandro Ciriani, riferendosi ai fondi che la Regione deve ancora alla Provincia (e che questa gira alle imprese) per finanziare e effettuare gli inserimenti di disoccupati e precari nelle aziende. Gli uffici provinciali hanno calcolato che la Regione deve ancora sborsare 5,3 milioni di incentivi a circa 1000 imprese. “Quello della Regione è un comportamento gravissimo – attacca Ciriani – perchè danneggia le aziende e mina la credibilita’ delle istituzioni. Da mesi in tutte le sedi chiediamo invano di adempiere. O il lavoro è una priorità o non lo è. O si preferisce andare a Ballarò a parlare di aria fritta – continua riferendosi a Serracchiani – o si preferisce occuparsi dei problemi concreti dei nostri cittadini”. Va precisato che a rimanere scoperto è il pregresso mentre per il 2014 i soldi per finanziare le assunzioni ci sono, “ma con quale credibilita’ ci presentiamo alle aziende proponendo i contributi – osserva Ciriani – se non possiamo onorare i patti precedenti? Gli incentivi non risolveranno il problema occupazione ma grazie a Dio hanno consentito di assorbire una quota di lavoratori che altrimenti sarebbero rimasti a piedi”. “Serracchiani e Panariti si mettano in testa che il mercato del lavoro non riparte se non si danno risorse alle aziende. Quindi – conclude – la finiscano di cincischiare, rispettino i patti e tirino fuori i soldi”.

Share Button

Comments are closed.