19/11/2019

Scuole di musica pordenonesi protagoniste domenica 10 novembre alle 18 all’auditorium Concordia di Pordenone con l’evento realizzato con la regia di Giais on The Rock festivali, in coorganizzazione col Comune di Pordenone, “Sei suonato? Che storia!”, che vede la partecipazione di Farandola, Fadiesis, SoundCEM, Accademia Musicale Pordenone, Scuola Mascagni e Istituto di Musica della Pedemontana. Gli allievi delle scuole realizzeranno piccoli intermezzi musicali legati da una divertente narrazione scritta per l’occasione dal prof. Paolo Venti e rappresentata dagli attori di Ortoteatro.

A salire sul palco saranno dunque i 18 componenti della Big Brass band della Scuola Mascagni (Bill Conti per “Rocky”, Gonna fly now, Moment for Morricone, temi da “Il buono, il brutto e il cattivo” e da “C’era una volta il West”), un gruppo di 10 fisarmonicisti allievi del maestro Gianni Fassetta per Fa Diesis (Mascagni, Intermezzo dalla cavalleria rusticana, Morricone, Gabriel’s oboe, Piovani, La vita è bella) e gli O’Streets di Farandola. Si potrà poi apprezzare l’abilità delle voci dell’ Accademia VoCem (Meghan Trainor, All about that bass, Queen, Bohemian rhapsody, Aretha Franklin, A Natural Woman) e delle 23 trombe dell’Ensemble Trombe FVG Junior guidato dal maestro Vello (Dillon, March and Chorale, Tchaikowsky, March from The Nutcracker, Sinatra, My Way, Anonimo, Joshua fit the Battle of Jericho). Completa lo spettacolo il quintetto d’archi dell’Accademia Musicale Pordenone (Bach, Allemanda e Giga, Telemann, Concerto per 4 violini Coldplay, Viva la Vida). Un programma dunque quanto mai vario, vivace e composito in grado di esprimere al meglio i talenti dei giovani e le loro capacità espressive. Una ventina i brani in scaletta 20 tra rivisitazioni artistiche di pezzi contemporanei e pilastri della storia della musica. La convinta e proficua collaborazione tra scuole di musica nasce nello spirito del festival Giais ON the Rock festival (fatto di musica, giovani, territorio, sinergia), promosso e sostenuto dalla Regione Fvg, dalla Fondazione Friuli e dal Comune di Aviano nonché molti sponsor privati. Un esperimento che vuole fare da apripista ad altri progetti di collaborazione.

Share Button

Comments are closed.