11/12/2017

“L’inizio dell’anno scolastico è a rischio. A poco più di un mese dall’inizio dell’anno scolastico nutro fondati timori che al 13 settembre la scuola veneta non sarà nelle condizioni di assicurare l’avvio regolare delle lezioni e attività, a causa di vecchi e nuovi problemi che si sono affacciati in questa estate ‘calda’ sotto tutti i punti divista”. L’assessore veneto alla scuola Elena Donazzan, in vista del rientro in classe di settembre, avvia una disanima dei nodi irrisolti mettendo in fila le difficoltà che renderanno “problematica” e “poco ordinata” la ripresa dell’attività scolastica. “All’ormai cronica mancanza di docenti, di personale tecnico-amministrativo, di insegnanti di sostegno e dirigenti scolastici – enumera l’assessore – si aggiunge quest’anno l’esito ‘pasticciato’ dell’immissione in ruolo dei vincitori del concorso”.
“Purtroppo sono andate deluse le aspettative per la tanto attesa immissione in ruolo dei docenti precari che attendono, qualcuno di loro da anni, il giusto riconoscimento della loro professionalità e del loro lavoro – dichiara la responsabile delle politiche per l’istruzione e la formazione in Veneto – Ai vincitori del ‘concorsone’, il governo non ha ancora riconosciuto il posto. Ma allora perché fare un concorso, con dispendio di risorse finanziarie ed umane?”.
“In più occasioni la Regione Veneto – ricorda l’assessore – ha avuto modo di ribadire la propria proposta di indire concorsi su base territoriale e di definire la programmazione al momento delle iscrizioni di febbraio-marzo, e non a ridosso dell’inizio dell’anno scolastico. E invece anche quest’anno l’inizio delle lezioni sarà aleatorio, quasi non fossero prevedibili per tempo il numero degli studenti in aula e il relativo fabbisogno di docenti. Il ministro in persona – prosegue l’esponente della Giunta regionale – aveva annunciato che avrebbe fatto partire con regolarità l’anno scolastico, ma il balletto dei numeri e le procedure per l’immissione in ruolo sono stati inverosimili”.
“Comprendo il disagio dei dirigenti amministrativi che si sono visti arrivare il 27 luglio l’indicazione di procedere all’immissione in ruolo entro il 5 agosto: pochi giorni di fuoco per chiamare all’appello, nei modo più svariati, gli speranzosi precari delle graduatorie ad esaurimento (GAE), alcuni di essi anche vincitori di concorso. In alcuni casi, come a Vicenza, gli aspiranti al ruolo sono stati lasciati sotto il sole, per ore, di fronte all’ex Provveditorato. Alcuni candidati provenienti dalle regioni del Sud si sono accollati spese ed aspettative oltre le loro possibilità di precari, in vista dell’agognato posto, costretti ad una vana trasferta a causa di informazioni sbagliate del ministero sulla quantificazione dei posti disponibili per il Veneto. Ma è dignità costringere ad un inutile e costoso viaggio docenti precari che nei mesi estivi percepiscono un assegno inferiore alla pensione sociale? Simili procedure, umilianti e disorientanti, non cozzano forse con le promesse governative di tornare a investire nell’educazione per risollevare una nazione e nel ripristino del rispetto e della stima per la classe docente?”.

Share Button