19/01/2021

R

Sarà un Ferragosto speciale in Valcanale grazie alle note magiche che risuoneranno dalla  Foresta. È stato definito il programma dei concerti per l’edizione 2020 di Risonanze, il Festival  dedicato al “legno che suona” organizzato dal Comune di Malborghetto-Valbruna in sinergia con  Fondazione Bon e il circuito Carniarmonie.

 Nei boschi dove nascono i pregiati abeti di risonanza, materia prima amata da molti famosi liutai  nel mondo, si leveranno i suoni degli appuntamenti previsti in cartellone. Il bosco, con i suoi colori  e profumi capaci di inebriare corpo e anima, sarà non soltanto cornice, ma anche ispiratore e  protagonista del programma di Risonanze 2020. Si parte il 13 agosto alle 20.45, nell’affascinante  Palazzo Veneziano di Malborghetto, con “Musiche da Oscar”. A conquistare il pubblico ci  penseranno il talento di Riccardo Pes al violoncello e Andrea Boscutti al pianoforte, pronti a offrire  un viaggio musicale originale ed entusiasmante da Brahms ai Queen, passando per Ennio  Morricone. Colonne sonore e musica da film regaleranno una serata a tutta energia. 

A Ferragosto, l’appuntamento è con il “Piano Solo” del giovane talento Axel Trolese. Cornice della  performance, in calendario il 15 agosto alle 11, sarà il fascino della Val Saisera, angolo incantato  dove la magia del pianoforte e la maestosità delle Alpi Giulie si fonderanno in un quadro musicale  perfetto che spazia da Beethoven ad Albéniz, da Liszt a De Falla.

Stesso posto, ma un’altra proposta affascinante il giorno seguente. Il 16 agosto, alle 17, le  “Vibrazioni” della fisarmonica di Marco Gerolin e del violino di Christian Sebastianutto si  fonderanno con l’Accademia d’archi Arrigoni, sotto la direzione del maestro Domenico Mason.  Gerolin e Sebastianutto, giovani friulani e già star internazionli del mondo della classica,  toccheranno disparati orizzonti musicali, spaziando tra repertorio classico, contemporaneo e  tango. La fusione di tutti questi talenti è pronta a valorizzare le musiche di Haydn, Janáček e  Piazzolla.

A chiudere il cerchio ci penserà un concerto in quota. Il 23 agosto alle 11, Cappella Zita sarà la  location di “Tradizione e Innovazione”, l’evento nato dalla collaborazione con Carniarmonie.  Protagonisti saranno Carlo Torlontano al Corno delle Alpi e Massimiliano Pitocco al Bayan, che  consentiranno a questi due strumenti di incontrarsi in un duo dalle atmosfere tutte da scoprire. In  scena ci saranno due tra i migliori interpreti internazionali di questi strumenti che, legati da  amicizia, hanno voluto dar vita al “Duo Alphorn & Bayan”. Tradizioni e culture popolari vivranno il  loro proscenio e trasformeranno questo angolo di montagna in un luogo magico, con atmosfere  che evocano ricordi del passato e memorie di paesi lontani.

Per tutti i concerti all’aperto, è previsto lo spostamento al Palazzo Veneziano o presso la Chiesa di  Malborghetto in caso di maltempo. Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito con prenotazione  obbligatoria sul sito www.carniarmonie.it. Per maggiori informazioni, è possibile contattare la  Fondazione Luigi Bon, (0432/543049, da lunedì al sabato dalle 15 alle 18) o inviare una mail a  info@carniarmonie.it. Il programma dettagliato del festival, le indicazioni su come raggiungere i  luoghi dei concerti e le attività complementari sono consultabili all’indirizzo  www.risonanzefestival.com.

«Siamo molto felici di poter garantire anche quest’anno un po’ di Risonanze alla nostra estate:   siamo riusciti   ad assicurare eventi musicali di alto livello, valorizzando anche talenti regionali di  grande spessore – sottolinea Alberto Busettini, direttore artistico del Festival -. La collaborazione  con la Fondazione Bon non nasce a caso: il circuito Carniarmonie fa parte da molti anni dell’offerta  estiva anche nel comune di Malborghetto-Valbruna. Inoltre, nel tempo la collaborazione tra  Amministrazione Comunale e Fondazione Bon è andata rafforzandosi e consolidandosi: l’Orchestra  Alpina che è stata protagonista di Risonanze lo scorso anno, con una bella residenza a  Malborghetto e il progetto interreg “La Via della Musica” che ci vede partner, sono elementi di una  collaborazione concreta, proficua per il territorio e speriamo duratura».

«Trovare un aspetto positivo anche in un periodo così difficile: questo è l’obiettivo dei due festival  della montagna, Risonanza e Carniarmonie, che hanno pensato di aiutarsi accelerando dei processi  sinergici già in fieri, ma che ora grazie alla lungimiranza dell’Assessore alla Cultura di  Malborghetto Alberto Busettini e dell’attenzione al territorio di Carniarmonie trovano una  immediata applicazione per l’estate 2020 – spiega Claudio Mansutti, presidente della Fondazione  Bon e direttore artistico di Carniarmonie -. Concerti concordati, organizzazione unica, promozione  unificata, rispetto delle diverse vocazioni e delle scelte artistiche di ognuno per offrire sempre di  più al territorio montano ottimizzando le risorse a disposizione». 

Il Festival Risonanze è un evento realizzato dal Comune di Malborghetto – Valbruna con il  contributo di Regione Friuli Venezia Giulia, Fondazione Friuli, Uti Canal del Ferro Valcanale e  Consorzio Bim Drava.

Share Button

Comments are closed.