22/05/2019

Nuovo fiore all’occhiello del mondo accademico italiano, che conquista ancora una volta una posizione ai vertici delle istituzioni formative europee e internazionali. Il rettore dell’Università di Udine, Alberto De Toni, fa il suo ingresso quale esperto all’interno dello “Strategic Standing Committee” del prestigioso EUI, European University Institute, unica università finanziata direttamente dall’Unione Europea, nata nel 1969, e con sede nella Badia Fiesolana di San Domenico di Fiesole, a pochi chilometri dal centro di Firenze.

«È per me un grande onore e una profonda soddisfazione essere stato selezionato, quale esponente del mondo accademico-scientifico europeo, per ricoprire questo ruolo di consulenza qualificata in un istituto che rappresenta la punta di assoluta eccellenza nel campo delle PhD School di Humanities a livello europeo e internazionale», ha commentato De Toni, fresco di nomina anche alla presidenza della Fondazione Crui (Conferenza dei Rettori delle Università Italiane).

Del Comitato permanente strategico EUI, che ha importanti e decisive funzioni di orientamento di tutte le attività dell’istituto (sviluppate dai Dipartimenti di Storia e Civiltà, Science Politiche e Sociali, Economia e Diritto), fanno parte – secondo la decisione assunta lo scorso mese di dicembre dall’High Council, l’Alto Consiglio EUI -, tre rappresentanti dei 22 stati membri facenti parte della cosiddetta “Troika” (passato, presente e futuro presidente dell’Istituto), attualmente Cipro, Lettonia e Lussemburgo, altri tre rappresentanti degli stati membri (a rotazione), un rappresentante della Commissione Europea e uno del Parlamento europeo, il presidente dell’Istituto, che è attualmente Renaud Dehousse (in carica dal settembre 2016), e fino a tre esperti dal mondo accademico e scientifico europeo.

Ed è proprio in questa ultima “tranche” di componenti che Alberto De Toni, già segretario generale della Crui e oggi presidente della Fondazione (braccio esecutivo e strategico) della stessa Conferenza, siederà per i prossimi tre anni a fianco del britannico Sir Howard Newby, già rettore dell’Università di Liverpool, Southampton e West of England. Saranno i due rettori, in sostanza, a dare voce alle istanze e alle proposte del mondo universitario, rispettivamente, del Nord e del Sud Europa.

L’EUI, che è l’equivalente in Europa della Scuola Normale in Italia, è un istituto di alta formazione e ricerca riservato ai soli dottorandi di ricerca fortemente sostenuto dal nostro Paese sul piano delle infrastrutture. Il segretario generale è l’ambasciatore italiano Vincenzo Grassi. il rettore De Toni è chiamato a fornire indicazioni e suggerimenti all’Alto Consiglio in materia di strategia della Ue, a monitorare la sua attuazione in base a indicatori appropriati, preparare le discussioni dell’Alto Consiglio, appoggiare il Presidente dell’EUI nella definizione di un piano strategico,

Il nuovo “Strategic standing commitee” dell’EUI si insedierà ufficialmente il 4 marzo nella sede di Fiesole.

Share Button

Comments are closed.