22/10/2018

Il PSR (Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020) del FriuliVenezia Giulia piace a Bruxelles e lo considera tra i migliori presentati dall’Italia. E’ quanto afferma il vice presidente della Giunta regionale, Sergio Bolzonello, a margine della missione dei giorni scorsi, servita ad illustrare alla direzione generale Agricoltura della Commissione europea la strategia compelssiva del programma.

Il documento regionale elaborato tra la fine del 2013 ed il primo semestre 2014 e trasmesso a Bruxelles il 21 luglio, dopo l’approvazione da parte della Giunta regionale, ha infatti ricevuto le osservazioni della Ue a dicembre 2014 e, dopo un primo confronto con il territorio, sono state discusse con la Commissione stessa durante la missione.

OSSERVAZIONI SU ASPETTI FORMALI

Le osservazioni della Commissione sul PSR si sono limitate per lo più a contenuti puramente formali o di carattere generale. Queste osservazioni sono già in fase di recepimento nel Psr.

PROBABILE APPROVAZIONE DEFINITIVA ENTRO LA PRIMAVERA

Il dato politico importante – ha fatto notare ancora il vicepresidente Bolzonello – è la piena condivisione dell’impianto strategico complessivo”. Bruxelles ha prospettato la possibilità di arrivare all’approvazione definitiva del nuovo Psr entro la primavera. Se
il dato fosse confermato la Regione potrà emettere i primi bandi, almeno su alcune misure, in tempi rapidi.

LA REGIONE INFORMERA’ DIFFUSAMENTE SULLE DIFFERENZE

L’Amministrazione regionale ha intenzione di sviluppare sul territorio un’ampia campagna di animazione e informazione, necessaria per rimarcare le novità e le differenze (e sono molte) tra la rogrammazione 2007-2013 e quella in fase di avvio.

FORTE DISCONTINUITA’ CON IL PASSATO

Completamente nuove sono le modalità con cui verranno gestiti gli
approcci integrati, sia per quanto riguarda la progettazione di
filiera sia per la cooperazione territoriale. Quest’ultima è
fortemente incardinata nei nuovi regolamenti comunitari.

PREMIATE QUALITA’,COERENZA DEI PROGETTI E NON SOLO L’AGGREGAZIONE

Una delle raccomandazioni che arrivano da Bruxelles è riferita alla modalità di selezione dei progetti integrati e di cooperazione che premi l’alta qualità e la coerenza dei singoli progetti, nonché la coerenza rispetto agli obiettivi del Programma e, se del caso, alla
strategia di sviluppo territoriale. Non sarà quindi la sola aggregazione a garantire il valore aggiunto nella selezione dei progetti.

L’AGRICOLTURA MULTILFUNZIONALE PIACE A BRUXELLES
SE NE PARLA AD ORTOGIARDINO

Particolarmente apprezzata, a livello comunitario, l’attenzione con cui sono state inserite nel nuovo Psr del Friuli Venezia Giulia le misure riconducibili al tema della “agricoltura multifunzionale”. Proprio a questo tema verrà dedicato l’incontro organizzato dal Psr nell’ambito della Fiera Ortogiardino di Pordenone: si tratta del convegno “L’agricoltura che moltiplica le risorse. Dal sociale al didattico, la Multifunzionalita? che… funziona!”, che si svolgerà nella sala incontri (padiglione 5) della Fiera giovedì 12 marzo alle ore 16.30 e vedrà le conclusioni del vicepresidente Bolzonello.

Share Button

Comments are closed.