21/05/2018

“Puntuale come un orologio svizzero”, anche  se la Svizzera non c’entra nulla. Perchè si tratta dell’immancabile, tradizionale e “puntuale” Villacher Kirchtag che dal 31 luglio al 7 agosto fa scoccare le campane per la 73ma volta.
E’ più giusto parlare di campane piuttosto che di orologi svizzeri, perchè la festa più famosa della Carinzia nonchè la più grande manifestazione folkloristica d’Austria, non è una festa della birra, come impropriamente viene definita. E’ la festa della parrocchia (e, per estensione, della città) anche se non c’è alcun dubbio sull’impetuoso scorrere dei fiumi di birra. E non potrebbe essere altrimenti, perchè colori, insegne, boccali ed innumerevoli fusti da svuotare riconducono alla Villacher Bier, birrificio di Villach che dal 1858 non ha conosciuto tregue nella produzione di birra. Oggi conta su 250 collaboratori, produce 320 mila ettolitri di bevande (compresi gli analcolici) fattura 44 milioni di euro all’anno e consta su un grado di notorietà che arriva al 97 per cento. (si vede che il restante 3 per cento era veramente distratto).
Villacher-Kirchtag-2014-Samstag-Umzug_1438421361889317_v0_h (Small)
Tornando alla Festa di Villach, anche qui i numeri sono imponenti. Secondo una stima degli organizzatori sarebbero più di 400 mila i visitatori che invadono le strade del centro carinziano, animate da 130 eventi musicali e folkloristici.
Il consumo di birra si accompagna la Villacher Kirchtagssuppe, preparata secondo diverse varianti e servita con il Kärntner Reindling, il dolce tipico carinziano fatto con lievito, uvetta e cannella. Imperdibile la grande sfilata conclusiva che si snoda per le vie della città e alla quale prendono parte migliaia di persone di tutte le regioni dell’Alpe Adria, vestite naturalmente con abiti tradizionali dai colori vivaci.

aweixxxWEIX4346 (Small)
La Villacher Kirchatag è amata dagli italiani, soprattutto dagli abitanti del Friuli Venezia Giulia, che non fanno mancare numeri importanti nelle presenze. Un grande e bel momento collettivo di festa, di divertimento, di buona cucina e “buona birra” che conferma di anno in anno una storica vicinanza di culture e tradizioni.
Buona festa a tutti

GFB

Share Button

Comments are closed.