25/06/2018

Il bando per la costruzione del  nuovo impianto funiviario di Nassfed-Pramollo è fermo. Se ne parlerà, forse , per il prossimo anno. La funivia è stata argomento canonico  durante la presentazione a Udine della stagione invernale del comprensorio. A ritardare ancora le procedure,  la questione  delle garanzie fidejussorie  che, a fronte di un ingente finanziamento pubblico, sono ritenute irrinunciabili da parte della regione Friuli Venezia Giulia.  L’intera operazione costa 82 milioni di euro, 48 li mette il Friuli Venezia Giulia e 6 la Carinzia. 

dsc00005-small

I Restanti 28 milioni vanno garantiti da una cordata di privati, guidata dalla multinazionale Doppelmayr, che  realizzerà e gestirà  l’intervento in project financing. Alle  resistenze al progetto in territorio italiano, si aggiungono ora i dubbi degli  investitori privati austriaci  sulle fidejussioni richieste dal Friuli Venezia Giulia. Il land Carinzia, invece, conferma il suo interesse.  Ora nessuno più si sbilancia sulle tempistiche del bando.Per il responsabile delle relazioni con l’Italia  del Comprensorio Nassfeld-Pramollo , Livio Fedrigo, lo stallo  rischia di  deprimere gli entusiasmi…

Share Button

Comments are closed.