15/01/2021

Di Marco Mascioli

Tutte le manifestazioni organizzate nei piccoli comuni per cercare di festeggiare il Natale con tradizioni ed eventi sono saltate a causa del decreto legge anti Covid. Ogni spettacolo, manifestazione, presepe sarà falcidiato dall’impossibilità di uscire di casa nei giorni “rossi”, per cui tutte le locandine stampate e pubblicate, distribuite sul web e sui social network, riferite alle giornate sin dal 24 dicembre, sono da considerarsi annullate o quasi. 

Pensando alla provincia di Pordenone, ma anche della bassa friulana, con i suoi forti legami con gli amici del Veneto con i quali si alternavano gite interregionali in entrambe le direzioni che sin dal 21 e fino al 7 gennaio compreso, restano off limit. 

Una delle più belle e caratteristiche località della regione è Barcis con il suo lago in provincia di Pordenone. La località turistica della Valcellina in cui è fortissimo lo spirito del Natale in un ambiente unico ed emozionante che in questo periodo dell’anno diventa un luogo da favola. 

Un bacino d’acqua attorniato dalle montagne innevate che oltre ad avere strade pulite e percorribili in attesa della prossima nevicata, grazie ai tunnel scavati nelle Dolomiti, si raggiunge sempre facilmente e appena si arriva in prossimità del centro abitato, si rimane senza fiato: uno spettacolo incredibile appare agli occhi dei turisti che rimangano esterrefatti in tutte le stagioni.

default

Ogni anno i giovani barciani organizzano il presepe vivente nel piazzale del Palazzo Centi, risalente al XVII secolo, miscela di stile rustico della Valcellina con l’architettura veneziana, con un doppio loggiato. Palazzo costruito in pietra viva, con una struttura lineare e raffinata, anche se priva di orpelli e decorazioni.

Ci dovrebbe essere la messa della vigilia la sera dopo le 22, seguita dalla processione per andare a vedere il presepe vivente, con una fiaccolata. Inoltre fino al 30 maggio 2021 nella sala espositiva ex Scuola d’Ambiente Barcis, è aperta la mostra “Miniere, cave, gallerie. Sfide per un’esistenza migliore”. 

Se nessuno da altri comuni e regioni potrà raggiungere Barcis, tutto sarà limitato a uno spettacolo per pochi intimi, essendo meno di 250 i residenti, compresi i molti anziani e i neonati. Buon natale a voi e godetevi il vostro paradisiaco lago in… tranquillità.

Share Button

Comments are closed.