19/01/2018

Un solo pilota del Friuli Venezia Giulia partecipa al campionato nazionale di Motociclismo Bridgstone 600. La stagione 2017 si è chiusa con buoni risultati e soprattutto grandi speranze e porte aperte per la prossima avventura di quest’anno nel trofeo italiano 600 cc.

ern OLI69633Un salto notevole dalla 150 che  ha  visto Giovanni Pibe Luc, atleta codroipese doc, dimostrare le sue ottime capacità e le potenzialità con un mezzo competitivo. Partita alla grande la stagione scorsa, nelle prime quattro competizioni ha collezionato tre podi, di cui due secondi posti e una volta nel terzo scalino. Un bilancio positivo ed entusiasmante, se non fosse che un piccolo infortunio non gli ha consentito di partecipare a tutte le gare del campionato.

Quest’anno l’intenzione è quella di continuare nella categoria super sport 600, anche se col team stanno valutando opzioni per categorie superiori, ma per colpa della scaramanzia, non ha voluto anticiparmi nulla. In ogni caso il Pibe 501 Luc si prepara in palestra per affrontare i prossimi impegni, con la grinta e la volontà di sempre, ma ora anche con una moto che non ha molto da invidiare agli altri.

Come in buona parte degli sport che non sono il calcio, il problema principale in Italia è rappresentato dagli sponsor e quando si corre a livello nazionale con buone possibilità di arrivare presto a livelli superiori. Le spese sono sempre importanti e nel mondo dei motori sicuramente non si scherza.

Sembra assurdo che si possano legare i risultati al denaro, ma non avendo la possibilità di allenarsi a dovere, di partecipare a tutte le competizioni, risulta evidente che i piloti con grandi disponibilità di denaro siano avvantaggiati per la disponibilità delle moto, dell’assistenza, dei circuiti, senza bisogno di pensare quanto costa il carburante.ern PIBE AL7_2525

Questo rende ancor più importante il nostro pilota friulano e motivo d’orgoglio per i risultati conseguiti nelle gare cui ha partecipato, tutti di primissimo livello. Grazie al contributo sotto ogni forma che Pibe Luc ha ricevuto da persone e aziende lungimiranti, sarà ancora una volta presto in pista: Water Energy di San Pietro in Casale (BO), la IMEL di Codroipo (UD), la Safety Working di Buttrio (UD), Kooso Compositi di San Giorgio di Nogaro (UD) e il Centro Ricambi due di Codroipo (UD). Prima ancora che sponsor si tratta di amici, persone disponibili a dare il loro sostegno a un pilota che ha già dimostrato grandi qualità e potenzialità.

Se anche i mass media nazionali cominciassero a dare spazio agli sport che loro definiscono minori, tralasciando magari qualche amichevole e tornei estivi di calcio, sicuramente darebbero maggiori opportunità di sponsorizzazioni ad atleti che s’impegnano per anni conquistando risultati eccellenti, ma se non sono in Moto GP (vedi Rossi, Capirossi, Dovizioso e Iannone, perché già Morbidelli e Petrucci sono ancora poco noti), non li conosce nessuno. Intanto Giovanni Pibe Luc continua con etica e professionalità la sua ascesa, nell’attesa dell’opportunità di dimostrare il suo valore anche a livello internazionale.

Marco Mascioli

 

Share Button