18/01/2018

Tornano in Giappone, con la Camera di Commercio di Udine, le aziende friulane. E si tratta un gruppo nutrito, di 11 aziende, di cui otto dell’agroalimentare, che parteciperanno in collettiva, all’interno del Padiglione Italiano Ice, alla 41esima edizione di Foodex Japan, a Tokyo dall’8 all’11 marzo 2016. Con la partecipazione a Foodex Japan si consolideranno le posizioni già acquisite per incrementare l’offerta italiana con una presenza più qualificata e diversificata delle produzioni tipiche. La missione avrà poi una componente esplorativa, essendo “capitanata” dal presidente Cciaa Giovanni Da Pozzo, che avrà incontri per aprire nuovi canali di collaborazione e di scambio di buone prassi tra i due sistemi economici. Le altre tre aziende, dei settori arredo e macchinari, saranno invece impegnate in incontri B2b.

Il Giappone è un mercato interessante che la Cciaa ha cominciato negli ultimi anni a proporre stabilmente alle imprese del territorio. Lo scorso anno, aveva proposto alle imprese dell’alimentare la partecipazione a Wine&Food Gourmet Japan, con sei aziende rappresentate e buoni riscontri. Già da due edizioni, poi, il progetto Ocm “Friuli Future Wines” coordinato dalla Cciaa – la più grande rete d’imprese vitivinicole italiana, con oltre 50 realtà del comparto da tutto il Fvg – contempla anche il Giappone come Paese focus per partecipazioni a fiere, promozione e degustazioni. Inoltre, la rete Enterprise Europe Network di cui la Cciaa è sportello sul territorio arriva fino al Sol Levante, quindi le imprese potranno approfondire i contatti che acquisiranno anche grazie alla maggiore piattaforma europea di supporto allo sviluppo delle Pmi. Per quanto riguarda Foodex Japan, è la più importante fiera agroalimentare del Giappone, evento di grande richiamo per tutta l’Asia Pacifico. La collettiva italiana ospiterà solo aziende.

Quelle friulane presenteranno un “assaggio” dei migliori prodotti di qualità della nostra terra, come vini, gubane, prosciutti, trote e altri prodotti ittici. Le aziende del food sono Dall’Ava, Friultrota, EatFriuli, Vogrig, mentre le imprese del vino, rappresentative dello spaccato friulano con i pregiati vini bianchi e rossi, ma anche i dolci, sono Antonutti, Ciani, Gori e La Viarte. Le altre tre aziende impegnate in B2b con l’Italia Trade Agency sono invece Chairs and More, Tiemmeset Fornasarig e Besser Vacuum. L’export del Fvg verso il Giappone ha avuto un andamento discontinuo negli ultimi anni: cresciuto del 22% tra 2013 e 2014, è invece rallentato nel 2015. In attesa di cifre consolidate, è comunque in 37esima posizione tra i Paesi verso cui il Fvg esporta. I principali prodotti esportati sono macchinari per impiego generale (20% circa dell’export) e mobili (14% circa dell’export), seguiti da strumenti e forniture mediche e dentistiche (9,3%), prodotti alimentari (7,7%) e prodotti da forno e farinacei (7%).

Share Button