19/12/2018

Tra le diverse attività sociali svolte dall’Azienda di Servizi alla Persona “Daniele Moro” di Codroipo, quella che la maggioranza delle persone conosce solo come una residenza per anziani, c’è anche l’asilo nido. Considerato un completamento della prima formazione dei bambini, l’asilo nido aziendale consente di sviluppare competenze, socializzare e favorire l’autonomia e il benessere psicofisico. La presenza di educatrici di riferimento del consorzio Vives, dà stabilità al bambino sin dai primi momenti al nido. La giornata è scandita da impegni concepiti per dare sicurezza e regolarità ai bambini, rispondendo sia ai bisogni del singolo sia a quelli del gruppo. Attività, giochi e laboratori differenziati rispetto alle competenze e all’età, con l’utilizzo di materiali prevalentemente ecologici e naturali che stimolano i sensi.

IMG_1509

Imprescindibile il ruolo rivestito dai genitori durante i primi anni, ora possono partecipare alla vita del loro bambino anche al nido e confrontarsi con altri adulti sul ruolo genitoriale, condividere il progetto educativo, stimolare il dialogo quotidiano. I colloqui individuali con le educatrici e i momenti di confronto tra genitori e gruppi di lavoro, rendono mamme e papà partecipativi alla realizzazione di eventi e feste. Presenziare con il proprio bambino ad alcuni momenti di vita al nido in modo propositivo, per laboratori e attività di confronto, con il supporto delle educatrici su tematiche relative alle fasi di sviluppo dei bambini, consente una maggiore coscienza dei ruoli.

vivianaIMG_1497

Il Nido dell’Asp Moro, a Codroipo in via Ricci, prevede un percorso d’ambientamento con tempi e modi graduali volti all’ascolto dei bisogni emotivi dei bambini, ma anche dei genitori. Il contributo a instaurare un clima relazionale positivo e trasparente quale presupposto basilare per la creazione di un rapporto di fiducia tra genitori e operatrici, con la presenza di personale qualificato e di una coordinatrice che organizza e supervisiona le attività.

I percorsi di formazione, aggiornamento e supervisione sono condotti da esperti nel settore. Servizio risolutivo per le esigenze dei genitori con impegni lavoratavi, predispone i giovani all’ingresso nel mondo della scuola, consentendo un proficuo approccio alle relazioni con gli altri. Una struttura dedicata ai bambini tra i 12 e i 36 mesi, con una flessibilità pressoché totale per risolvere i problemi delle famiglie di lavoratori, offrendo ospitalità ai bimbi dal lunedì al venerdì, con la possibilità di frequentare il nido a tempo pieno, dalle 6.50 alle 17.20, a tempo pieno ridotto dalle 6.50 alle 16.30, a tempo parziale dalle 6.50 alle 13.30 o addirittura per 3 ,4 o 5 giorni settimanali. La coordinatrice è a disposizione delle famiglie per presentare il servizio su appuntamento e dare informazioni. Il nido è ospitato in una struttura in bioedilizia, con un ambiente armonico e solare. L’alimentazione dei bambini è adeguata e biologica.
Dal punto di vista economico ci sono due informazioni importanti: la legge regionale 18 agosto 2005, n. 20 sul sistema educativo integrato dei servizi per la prima infanzia, prevede che dal 1 settembre al 30 novembre 2015 si possono presentare le domande di concessione del contributo economico per l’abbattimento delle rette per l’accesso ai nidi d’infanzia per l’anno scolastico 2014/2015.

SilvaIMG_1513

Basta rivolgersi al Servizio Sociale del comune di residenza e il contributo sarà concesso, se avete sostenuto spese per le rette ai nidi d’infanzia, a servizi integrativi e ad altri servizi sperimentali, per il periodo tra il 01/09/2014 e il 31/08/2015; per quest’anno invece è previsto l’abbattimento delle rette, tra il 01/09/2015 e il 31/08/2016, per le famiglie che iscrivono i bambini ai nidi o ai servizi integrativi o sperimentali per la prima infanzia, in modo diretto. Il contributo regionale sarà erogato direttamente ai gestori delle strutture. La domanda dovrà essere presentata entro il 7 settembre 2015. Su questo importante aspetto ho intervistato il presidente dell’Asp Moro di Codroipo Andrea D’Antoni.
Per maggiori informazioni potete consultare il sito www.aspmoro.it o scrivere un messaggio ad asilonido@aspmoro.it
servizio di
Marco Mascioli per euroregionenews

Share Button

Comments are closed.