17/11/2018

“La Regione, oltre ad avere definito con l’università di Padova il piano generale delle opere per la sistemazione dei litorali veneti, ha investito nelle spiagge, solo nell’ultimo anno, quasi 10 milioni di euro”. E’ quanto risponde l’assessore regionale all’ambiente e alla difesa del suolo Gianpaolo Bottacin al presidente di Federconsorzi, Renato Cattai, che ha espresso le preoccupazioni degli imprenditori della zona di Jesolo per i danni provocati dal maltempo sulle spiagge. Le preoccupazioni riguardano anche l’avvio di lavori per il ripristino dei pontili di fronte al Merville, bloccati secondo Cattai dalla burocrazia. Di qui l’invito alla Regione ad accelerare l’iter per arrivare all’avvio degli interventi.
“La sollecitazione è rivolta all’indirizzo sbagliato”, replica Bottacin. “La Regione sta infatti attendendo i progetti, che ci deve fornire il Comune di Jesolo e che continuiamo a sollecitare, relativi all’accordo pubblico-privato tra Merville e lo stesso comune. Non è quindi la burocrazia regionale a frenare le opere”.
“Più in generale – conclude l’assessore veneto – va ricordato che stiamo sempre aspettando che il Ministero ci finanzi il piano per i litorali come era stato promesso a inizio 2016 dal Ministro dell’ambiente in occasione della sua presenza a Bibione”.

Intanto  è stato annunciato che la Regione dichiarerà lo stato di crisi per gli eventi meteorici che hanno colpito in queste ultime ore il Veneto, in modo particolare la provincia di Treviso. Verrà inoltre chiesta al governo la dichiarazione dello stato di emergenza.

A comunicarlo è il Presidente Zaia che ha seguito costantemente l’evoluzione del maltempo, che ha interessato particolarmente i territori dei comuni di Codognè, San Fior, S. Vendemiano e Conegliano. Sono state registrate più di cento chiamate ai Vigili del Fuoco.

“A causa delle intense precipitazioni – fa presente l assessore regionale alla protezione civile Gianpaolo Bottacin – la situazione più grave si è avuta a seguito dell’esondazione di due corsi d’acqua, il Ghebo a Codognè e il Cervada a S. Vendemiano, entrambi affluenti del torrente Monticano. Criticità si sono registrate anche lungo tutta l’asta dello stesso Monticano e del fiume Livenza, che per questo sono stati continuamente monitorati. A Oderzo non si sono avute esondazioni grazie agli interventi effettuati nel 2016 dal Genio Civile”.

“La situazione, che ha visto l’attivazione di decine di squadre della protezione civile, sta lentamente tornando alla normalità – sottolinea l’assessore -. Una quindicina di squadre sono ancora operative con motopompe e altre attrezzature nelle zone più colpite”.

L’assessore fa rilevare che altri disagi ci sono stati per il maltempo anche nel Bellunese dove è stata chiusa la strada del Mis per una frana. Ulteriori interruzioni si sono avute sulle strade della provincia a causa della caduta di alberi, ma che sono stati prontamente rimossi.

Share Button

Comments are closed.