05/04/2020

Anche Radio Company, Radio Easy Network, Radio WOW, Radio80, Radio Padova E Radio StudioNord, in Friuli rappresentate dal Centro Media Vivaradio, aderiscono alla grande iniziativa, la prima del genere nella storia radiofonica italiana, “LA RADIO PER L’ITALIA”.

VENERDI’ 20 MARZO ALLE ORE 11.00 tutte le radio italiane, le tre reti pubbliche, le private nazionali e locali, si uniscono nella diffusione dell’inno di Mameli, Azzurro, la Canzone del Sole e Nel Blu dipinto di Blu. Al termine della trasmissione radio, 70 navi della Marina Militare, in 7 basi navali, per un totale di 5212 uomini e donne facenti parte degli equipaggi, suoneranno le sirene di bordo contemporaneamente per testimoniare la coesione e la partecipazione di tutti, per superare insieme questa difficile situazione.

La radio in questi giorni è più che mai uno strumento di compagnia e di conforto, la cui voce si farà sentire a frequenze unificate e in contemporanea, anche su tutte le piattaforme Fm, Dab, in televisionee in streaming sui siti e sulle App delle radio, con la stessa programmazione. Questa iniziativa unica vuole dare ancora più forza a tutti gli italiani e all’Italia che deve andare avanti unita, mostrandosi coesa in questo momento di emergenza mondiale. Un messaggio di unione, partecipazione e connessione, che ha l’auspicio di riunire tutti nello stesso momento di condivisione.Parteciperanno all’iniziativa le emittenti radiofoniche nazionali: Tutto il Paese è invitato a sintonizzarsi sulla propria stazione radio preferita,ad alzare il volume, ad aprire le finestre e uscire sui balconi per cantare tutti insieme, sventolando il tricolore o mostrando un simbolo dell’Italia,per un momento che sia di riflessionee buona speranza per tutti. L’appello delle radio a partecipare a questa iniziativa straordinaria è rivolto a tutti: agliitaliani residenti in Italia, ai nostri connazionali che vivono all’estero e a tutti i cittadini del mondo che vorranno sintonizzarsi.

Logo “La Radio per l’Italia” in copertina: credito Studio Prodesign di Sergio Pappalettera

Share Button

Comments are closed.