26/05/2018

Tarvisio è una delle località turistiche più conosciute del Fvg che gode anche di una posizione strategica al confine con Austria e Slovenia. Pare, però, che durante la stagione invernale, la promozione turistica non sia tra le più eccellenti. Non tutti i pendolari della montagna amano andarci in auto, c’è chi preferisce utilizzare il treno e già in partenza si ritrova la sorpresa. Visitando i siti internet per informarsi su orari di partenza e arrivo, si scopre che il prezzo indicativo di 4 euro per una corsa Udine-Tarvisio, diventa alla fine di 10 euro, ovvero 20 euro andata e ritorno. Qui la colpa non è certo della località montana che riserva, però, una volta raggiunta, altre amare sorprese. L’ultimo pullman che parte dalla faraonica stazione di Tarvisio Boscoverde verso la città è alle 16.30 e il ritorno, seppure breve ma con una strada non sicura da praticare a piedi, è privo di mezzi pubblici. L’unico mezzo disponibile è il taxi e a Tarvisio ce n’è uno solamente. Ma i collegamenti e i mezzi di trasporto non sono l’unico neo della ridente montagna friulana. Una passeggiata in città rivela altre pecche turistiche. D’inverno, in alta stagione, ovvero durante le vacanze natalizie, Tarvisio città propone il classico mercatino all’aperto. Poche casette in legno con i prodotto tipici artigianali rappresentano l’unico mercatino da visitare. Il mercato cittadino coperto, infatti, è chiuso in determinate giornate in piena stagione. Forse i profughi non sono il vero problema della Tarvisio d’inverno, o per lo meno, non l’unico.

Share Button

Comments are closed.