16/06/2019

Sabato, 13 aprile 2019, ore 21.00 Palazzo Lantieri a Gorizia ospita il concerto dedicato alla musica di Arnold Schönberg, con la  Notte trasfigurata e Antonio Vivaldi, con Le quattro stagioni. Ad eseguire le musiche l’ORCHESTRA “AMICI VENEZIANI” . L’ingresso e libero fino ad esaurimento dei posti.

Il compositore austriaco Arnold Schönberg (1874-1951), nato a Vienna da una famiglia ebraica e in seguito trasferitosi negli Stati Uniti, è noto per avere rivoluzionato il mondo della musica, introducendo il sistema dodecafonico. Il poema sinfonico Verklärte Nacht (Notte trasfigurata), è un’opera giovanile di Schönberg, che risente ancora del clima tardoromantico. Il testo, composto dal poeta Richard Dehmel, narra la vicenda, avvenuta in una notte al chiaro di luna, di una donna che confessa al suo uomo di portare in grembo un figlio non suo, ricevendone conforto. Il poema sinfonico, antecedente alla svolta dodecafonica di Schönberg e divenuto subito molto popolare,  verrà eseguito nella sua versione originale, composta per un sestetto d’archi, mentre il testo verrà interpretato, in tedesco e in italiano, dal celebre soprano Simone Kermes.

I quattro concerti che compongono Le quattro stagioni sono oggi tra i brani musicali più celebri al mondo e tra le più famose opere del compositore e violinista veneziano Antonio Vivaldi (1678-1741). Come molti musicisti barocchi, Vivaldi fu riscoperto solamente nel Novecento, destando un enorme interesse.

Le quattro stagioni costituiscono uno dei primissimi esempi di musica a programma del periodo barocco, cioè di composizioni a carattere prettamente descrittivo nei tre movimenti di ogni singolo concerto. La Primavera emula il tripudio del canto degli uccelli, il riposo di un pastore con il suo cane e una danza festosa. L’Estate descrive con toni accesi e opprimenti la calura estiva, lo spavento del pastore all’insorgere della tempesta e lo scatenarsi del temporale in tutta la sua potenza. L’Autunno riprende la gioia e la serenità della vendemmia, l’ebbrezza del vino e il clima concitato di una battuta di caccia. L’Inverno descrive un vento gelido che imperversa, la pioggia che cade lentamente sul terreno ghiacciato ed infine la rassegnata accettazione del freddo invernale.

Share Button

Comments are closed.