24/10/2018

“Questa è l’Europa più bella”, ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al sindaco di Gorizia, Ettore Romoli, riferendosi durante l’incotro avvenuto a palazzo Chigi, alla collaborazione fra Comuni italiani e sloveni nell’area confinaria di Gorizia.

Il Capo dello Stato aveva invitato a Roma il primo cittadino di Gorizia per ricordare il centenario
della Presa di Gorizia nell’ambito della Sesta Battaglia dell’Isonzo ma nel corso dell’incontro si è parlato anche di altri argomenti a partire dalla situazione dell’area confinaria.

Romoli ha spiegato che le amministrazioni comunali di Gorizia, Nova Gorica e Sempeter Vrtojba, superando grandi ostacoli e resistenze hanno dato vita ad un nuovo organismo , il Gect, che permette la progettazione e la realizzazione di opere congiunte finanziate dall’Unione europea e, soprattutto, di andare oltre le ferite del passato, rinsaldando i rapporti di amicizia fra le comunità.
_PDR4588 (Small)
Mattarella, che ha dimostrato di conoscere molto bene Gorizia e la sua storia, ha espresso grande apprezzamento per il lavoro svolto in ambito transfrontaliero “che coglie perfettamente lo spirito di chi si batte per l’unità dell’Europa con l’obiettivo di creare un nuovo sviluppo che guardi oltre i confini”.

Durante il colloquio, si è parlato anche della situazione dell’economia goriziana, ovvero delle problematiche legate alla deindustrializzazione ma anche delle prospettive collegate al turismo e al Polo universitario.

Ricordando il suo legame con Gorizia, “città che mi è molto cara e di cui ho seguito le varie vicende storiche” il presidente si è detto, quindi, molto rammaricato per non poter essere presente alle celebrazioni dell’8 agosto per la Presa di Gorizia essendo occupato, in quel periodo, per precedenti impegni “ma sarò presente e vicino alla città con il cuore- ha detto – e, per questo, ho voluto incontrare il sindaco Romoli affinchè porti alla città il mio affetto e la mia vicinanza”.

Il sindaco i ha quindi consegnato al presidente la medaglia del centenario e il libro sulla Sesta  Battaglia dell’Isonzo

Share Button

Comments are closed.