24/11/2020

Danêl, trattoria Ai Cacciatori a Cavasso Nuovo, ha ricevuto il premio internazionale Gondola d’Oro 2019 per la ristorazione. Una commissione internazionale composta da giornalisti, professionisti di import – export e nel settore del turismo, prevalentemente provenienti dai Paesi Bassi, hanno ritenuto il locale di Daniele Corte e la moglie Angelina, meritevole dell’ambito premio che in realtà va ad aggiungersi agli altri riconoscimenti esposti come la presenza da anni nella Guida Michelin. 

Un locale accogliente che dal 1860 esprime con orgoglio le produzioni locali. Senza tradire il nome, la cacciagione deve condividere i piatti con la cipolla rossa di Cavasso, ma una visione più estesa consente di degustare anche i prodotti tipici del Friuli come la Pitina (insaccato tipico di carne affumicata originaria della Val Tramontina e Val Cellina).

Il locale narra la sua storia in ogni angolo. Le pareti propongono la friulanità e l’italianità con bottiglie di vino pregiato, in buona parte da collezione, che sebbene non potrebbero mai più esser bevute per l’esposizione alla luce, arredano e colpiscono l’attenzione con le loro date di produzione risalenti a più di cinquant’anni fa. Il bar con il classico bancone alto, la saletta riservata senza finestre per estrema discretezza e il grande salone con vista sulla vallata. 

Il territorio del Comune di Cavasso Nuovo (PN), oggi risulta per lo più una perfezione moderna, con pochi scorci che narrano la storia millenaria. Dopo il terremoto del 1976, anche qui rimasero ben pochi muri in piedi e la ricostruzione fedele, presenta quasi tutte le abitazioni rinnovate. Un meraviglioso castello, villa Polcenigo Fanna, oggi nota come “Palazat“, rappresenta l’emblema della storia di Cavasso Nuovo. Comune di origini celtiche, con quest’edificio cinquecentesco, le cui torri campeggiano quasi a sentinella dell’intera vallata sottostante.  

Oggi ci sono gli uffici comunali e all’interno di alcune stanze è possibile conoscere arti e tradizioni della vita contadina, nonché la storia dell’emigrazione nella sezione del museo dedicata allo studioso Diogene Penzi. Già all’ingresso del paese si presenta una statua di un uomo con la valigia in mano, a memoria di tutti coloro che hanno lasciato il Friuli Venezia Giulia per emigrare. Il paese, a mezza costa sulla strada pedemontana, vanta origini antiche. Caratteristici e suggestivi sono il Mulino Ciat di Borgo Grava, le case di Runcis e la chiesetta di San Leonardo a Orgnese. 

Sono alle pendici delle Prealpi Carniche, che si toccano con mano a nord e il torrente Meduna che limita il territorio verso est, ma agevola una visuale a oltre 180 gradi verso il mare. Sicuramente le peculiarità del territorio garantiscono la produzione millenaria della particolare cipolla rossa di Cavasso. 

Il premio “Il tramonto Gondola d’Oro 2019” nella categoria ristoranti, è stato consegnato al locale Ai Cacciatori – Danêl, alla presenza delle autorità con il Sindaco Silvano Romanin, la presidente dell’ Associazione Produttori Cipolla Rossa di Cavasso Nuovo Michela Spigolon, del suo vice Claudio Zambon e il consigliere regionale Emanuele Zanon. Si tratta di un vero gioiellino, tra i ristoranti che utilizzato prodotti a chilometri zero, per la preparazione delle bellissime portate di cibo delizioso. Il premio viene assegnato alle attività italiane che conseguono successo anche all’estero e che con il loro operato promuovono e valorizzano il Friuli Venezia Giulia e il Veneto, che grazie alla rivista Il Tramonto hanno grandi potenzialità sia in Olanda, sia in Belgio. 

I giornalisti olandesi Ad Smets e Sjaak Verweij (Ad & Jack per gli amici) della Rivista “Il Tramonto” hanno consegnato a Daniele Corte e Angelina Zecchini, unitamente a tutta la squadra della trattoria “Ai Cacciatori”, il prestigioso riconoscimento, per la qualità dei prodotti offerti, per essere la prima realtà nella ristorazione a promuovere e utilizzare la Cipolla Rossa di Cavasso Nuovo e anche per il rapporto qualità / prezzo inversamente proporzionale. 

Marco Mascioli 

Share Button

Comments are closed.