23/11/2017

“Come lavorare insieme. Orientare i lavoratori e le aziende tra le normative vigenti e le nuove opportunità” è il tema del seminario di studio e confronto organizzato dalla consigliera di parità del Veneto, insieme a Regione e Ispettorato del lavoro di Venezia mercoledì 12 luglio, a Venezia, nella sede della Regione, a palazzo Grandi Stazioni (ore 10-13). “A seguito del Protocollo d’intesa stipulato con la Direzione Interregionale del lavoro con l’obiettivo di informare i lavoratori e le imprese sui diritti in materia di maternità e di paternità – spiega Sandra Miotto, consigliera di parità del Veneto, di nomina ministeriale – abbiamo voluto promuovere un incontro di formazione e orientamento non solo tra ‘addetti ai lavori’ ma anche tra tutti coloro, imprese, sindacati, organismi di parità, servizi di prevenzione e di sicurezza sui luoghi di lavoro, che si occupano di diritto del lavoro, tutela della genitorialità, conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, sicurezza e benessere nei luoghi di lavoro. La casistica ci dice che nelle imprese del Veneto e del Nordest ci sono ancora troppe dimissioni o risoluzioni consensuali del lavoro dettate dalla necessità di affrontare impegni e oneri della maternità e della cura di figli in tenera età”. Al seminario intervengono l’assessore regionale al lavoro, Santo Romano, direttore dell’area capitale umano della Regione Veneto, Stefano Marconi, capo dell’Ispettorato interregionale del lavoro di Venezia, Lara Rampin, responsabile del Coordinamento Vigilanza dell’Ispettorato Interregionale del lavoro di Venezia, e Valeria Moscardino, dell’Ispettorato territoriale del lavoro di Parma–Reggio Emilia.  A questo primo incontro faranno seguito, nei prossimi mesi, altri seminari nel territorio regionale che si concluderanno con la pubblicazione di un ‘vademecum’ su lavoro e tutela della genitorialità rivolto ad imprese, lavoratori e organismi di parità e vigilanza.

Share Button