05/04/2020

Nella notte tra lunedì e martedì, la temperatura notturna ha raggiunto i meno 4 gradi dalla zona collinare alla pianura. E questa notte è prevista una situazione peggiore con punte di meno 5 gradi. Gelate che colpiscono i frutteti della pianura friulana. Determinanti si sono rivelati gli impianti antibrina ovvero i sistemi di irrigazione a pioggia che attivati prima della gelata consentono di creare un involucro di ghiaccio attorno alle piante limitando la temperatura all’interno a zero gradi.


“I frutteti non dotati di impianto antibrina avranno un danno attorno al 50% della produzione- commenta Peter Larcher, titolare dell’azienda melicola Pomis di Chiasiellis – Per fortuna la gran parte dei meleti rimasti oggi in regione sono dotati di questo sistema antibrina, ma esistono ancora frutteti che non possono dotarsi perché non collegati alla rete di irrigazione”.

Impianti, come quelli antibrina ma anche antigrandine, su cui secondo il presidente dell’agenzia di cluster Agrifood Fvg Claudio Filipuzzi “si dovrà continuare a investire per creare un sistema resiliente alla luce dei repentini episodi climatici estremi che puntualmente non risparmiamo neppure la nostra regione”. Intanto i produttori guardano con apprensione a fenomeni che potranno ripetersi ancora per 2-3 settimane, almeno fino a Pasqua” conclude Larcher.

Share Button

Comments are closed.