21/10/2018

Da lunedì a venerdì il confronto internazionale per una nuova ricostruzione economica
Quaranta protagonisti dell’economia italiana e internazionale dialogheranno con rappresentanti del Fvg e il pubblico nella sede della Camera di Commercio, ideatrice e organizzatrice della terza edizione di FF, in collaborazione con Comune, Università e il coinvolgimento della Regione
 
Quaranta ospiti internazionali – alcuni tra i più affermati economisti insieme a giovani emergenti – sono pronti a confrontarsi, per la prima volta insieme a Udine, al #FutureForum 2016, che animerà la città per cinque giorni, da lunedì 1 a venerdì 5 febbraio. La sede dell’intenso programma di incontri sarà la Sala Valduga della Camera di Commercio di Udine, organizzatrice, per la terza edizione, di questo forum avviato nel 2013 e che si rinnova di anno in anno, con nuovi protagonisti, ma anche nuovi format e temi di discussione. «Quest’anno, in cui peraltro ricorre l’importante anniversario dei 40 anni dal terremoto, il tema della ricostruzione tornerà anche al nostro Future Forum – spiega il presidente Cciaa Giovanni Da Pozzo –. Una ricostruzione economica, ossia ciò che dobbiamo immaginare e progettare per i prossimi anni, per uscire da una crisi profonda, che ha destabilizzato ogni punto fermo dei decenni precedenti, rivoluzionando territori, produzione, dimensione sociale, comunicazione e sviluppo. Quali nuove vie si stanno affacciando sulla scena e quali andremo a percorrere nei prossimi anni per evolvere al meglio le nostre vite, il nostro lavoro, le nostre imprese? Grazie all’apporto di tantissimi nomi dell’economia proponiamo a Udine un confronto inedito per arrivare in modo partecipato dalle domande a nuove ed efficaci proposte e risposte».
 
La cinque giorni, contraddistinta dall’hashtag #esserenuovi e coordinata dalla Cciaa con la collaborazione di Comune e Università di Udine e il coinvolgimento della Regione, «vedrà esperti e decisori pubblici, rappresentanti della comunità e cittadini, in una dimensione ideale per dialogare insieme, per poi poter mettere in pratica nuove linee d’azione», aggiunge il project manager di FFF, Renato Quaglia, che ha curato anche questa edizione per la Cciaa avvalendosi anche del supporto, per il coordinamento scientifico, di Emanuele Ferragina, giovane italiano (classe 1983), docente a Science Po Paris e all’Università di Oxford, che sarà anche tra i protagonisti del Forum udinese. Assieme a lui, tanti altri ospiti sono attesi, dagli economisti Zygmunt Bauman (che chiuderà con una lectio magistralis venerdì 5, unico appuntamento in Aula Kolbe) e Serge Latouche, Guy Standing, Pietro Bevilacqua o Stefano Sacchi, tanti giornalisti da Tommaso Cerno (direttore del Messaggero Veneto) a Luca Telese, a Marco Valerio Lo Prete (vicedirettore de Il Foglio), Antonio Polito (Corriere della Sera), Stefano Feltri (vicedirettore Il fatto quotidiano), Alessandro Gilioli (L’Espresso), Marino Sinibaldi (direttore Radio 3), Bianca Di Giovanni (L’Unità), Francesco Canellato (Linkiesta). Ancora: tanti protagonisti della politica, dell’economia e del lavoro italiani, come Maurizio Landini, Renato Brunetta, Giulio Tremonti, Marco Gay, Attilio Tranquilli, in un dialogo con i rappresentanti del Fvg, dalla presidente Serracchiani al vicepresidente Bolzonello, da Riccardo Illy a Chiara Mio al rettore De Toni e i docenti dell’Ateneo udinese. Inoltre, giovani economisti, che si vanno affermando sulla scena internazionale: oltre a Ferragina, Alessandro Arrigoni (University of Oxford), Gabriel Siles-Brugge (University of Manchester), Tuukka Toivonen (Soas Londra) e molti altri.
 
Future Forum offrirà anche l’opportunità per il pubblico udinese di partecipare alle dirette radiofoniche su Radio 3, nello studio allestito per l’occasione, venerdì 5, in Sala Economia (ingresso da piazza Venerio 7): dalle 10 alle 11 andrà in onda una speciale puntata del programma “Tutta la Città nel parla”, condotto da Pietro del Soldà con il coordimento di Cristiana Castellotti. E un secondo collegamento con i protagonisti del Forum sarà venerdì dalle 15 alle 15.30, con il programma Fahrenheit, condotto dal direttore Sinibaldi.

Alcuni degli incontri hanno già registrato tantissime prenotazioni e,  siccome i posti disp
onibili sono limitati dalla capienza delle sale, dalla Cciaa consigliano di inviare sempre la richiesta di registrazione ai singoli eventi verificando preventivamente la disponibilità di posti. Basta consultare il programma, sempre aggiornato su www.friulifutureforum.com/futureforum. Future Forum 2016 sarà anche trasmesso dallo stesso sito in live streaming e saranno realizzate interviste ai protagonisti grazie a un team di giornalisti del mensile Cciaa Udine Economia. Anche alcuni studenti dell’Ateneo collaboreranno al “social team” del Future Forum, che avrà come “canali” anche Facebook (Pagina Friuli Future Forum ed evento Future Forum 2016) e Twitter (@friuliforum), con l’hashtag #esserenuovi.

Share Button

Comments are closed.