19/10/2018

Nei primi sei mesi del 2017 bilancio positivo per Friuli Innovazione, che prevede ricavi in crescita di oltre il 15% rispetto al 2016, sia per quanto riguarda l’area progetti, sia per quella dedicata ai servizi alle imprese.

Nel 2017, infatti, sono stati avviati tre progetti europei di importanza strategica: il primo volto al rafforzamento della partnership di Friuli Innovazione con Austria, Slovenia e Croazia sulla piattaforma Startup Ecosystem AlpeAdria per le startup innovative; il secondo, nel quale Friuli Innovazione è capofila, incentrato sui nuovi modelli di business per le imprese che vogliono sfruttare al meglio le tecnologie di Industria 4.0; il terzo, che vede sempre Friuli Innovazione

capofila, è gestito in collaborazione con l’acceleratore sloveno ABC ed è finalizzato alla condivisione delle best practice e allo sviluppo di nuovi modelli di accelerazione e scale up per le startup europee.

Confermato inoltre un rilevante impegno sul progetto regionale OIS (Open Innovation System) 2017, nel quale Friuli Innovazione ha responsabilità diretta sul 50% degli obiettivi del progetto cui partecipano anche BIC Incubatori Fvg, AREA Science Park, Consorzio Innova Fvg e Polo Tecnologico di Pordenone.

“Continuiamo con convinzione a lavorare per lo sviluppo economico e sociale del nostro territorio -ha commentato il presidente di Friuli Innovazione Germano Scarpa– anticipando i temi che saranno prioritari nei tempi prossimi. Ci aspettiamo dalla Regione meritocrazia e attenzione o, meglio, capacità di analisi e di visione anche critica. Per rendere competitivo il sistema imprenditoriale del nostro Paese e della nostra Regione sono di fondamentale importanza le competenze e le risorse tecnologiche, digitali, organizzative e gestionali. Ed è proprio per questo che Friuli Innovazione sta lavorando anche su tale tematica con imprese di primaria importanza, Università e cluster del territorio, ma anche con realtà internazionali. In autunno presenteremo progetti e iniziative di grande rilevanza e visione prospettica, che certamente sottoporremo all’attenzione della Regione perché possano essere di traino per la politica industriale 4.0 del Friuli Venezia Giulia.”

Share Button

Comments are closed.