28/11/2020

di Gianfranco Biondi

Ha attirato l’attenzione del mondo mediatico un libro nato da una virtuosa esperienza di condivisione, maturata nel dialogo tra le otto “signore” che sono ospiti della comunità Calicantus di Itaca, a Pasian di Prato, una bambina di quattro anni, Celeste, e sua mamma, Elisa Trevisan, una delle operatrici nella struttura. Tanto che già si pensa ad una ristampa di “E’ possibile anche quando sembra impossibile”, così il titolo del libro che testimonia questo percorso, con la prefazione di Pierluigi Di Piazza, i disegni di Celeste, Martina, Samuel, Valentina e Alessandro, l’impaginazione di Valentina e la collaborazione degli operatori ed operatrici di Calicantus.


Tutto nasce dall’idea di Celeste di far leggere al telefono dalla mamma delle storie alle signore ospiti di Calicantus, stimolata dall’aver lei stessa ascoltato durante il lockdown i racconti al telefono dei volontari della Cooperativa Damatrà e dell’associazione Nati per leggere. Le letture che mamma e figlia decidono di regalare al telefono alle ospiti di Calicantus vengono tratte dal libro “Storie della buonanotte per bambine ribelli” (Favilli & Cavallo, 2018), che racconta di donne tra loro molto diverse, ma accomunate dal fatto di essere riuscite a portare al mondo contributi importanti.
L’appuntamento telefonico settimanale diventa un momento importante, che accorcia il distanziamnto fisico e sociale e, soprattutto, e questo è l’aspetto che rende ancor più straordinaria l’avventura, trova un suo sviluppo nella reciprocità perché le ospiti di Calicantus, coadiuvate dalle operatrici e operatori, non rimangono solamente in ascolto ma scelgono di rispondere, raccontando a Celeste e alla sua mamma altre storie di persoanaggi femminili. Così prendono vita nelle parole lda Merini, Anna Politkovskaja, Marie Curie, Jane Goodall, Miriam Makeba, Frida Kahlo, Astrid Lindgren, Alicia Alonso, Rita Levi Montalcini, Malala Yousafzai, Margherita Hack, Nina Simone, Evita Peron, Mary Edwards Walker, Maria Montessori, Irena Sendlerowa, Rigoberta Menchù, Samantha Cristoforetti, Amna Al Haddad, Maria Teresa di Calcutta, Florence Nightingale, Coco Chanel, Giovanna D’Arco, Maria Callas, Michelle Obama.

Rita Levi Montalcini vista da Celeste


Ma questa storia non finisce qui, perché la piccola Celeste, insieme a Martina, Samuel, Valentina e Alessandro, inizia ad interpretare nel disegno questi personaggi femminili mentre la coordinatrice di Calicantus Francesca Schiavon, raccoglie e sistema tutti i racconti, con l’idea di farne un libro nella cui prefazione, Pierluigi Di Piazza scriverà che questo libro “mette insieme le persone, i sentimenti profondi, l’intuizione e l’immaginazione, la volontà di metterli in atto… ed “È davvero sorprendente e commovente il vissuto profondo di una bambina di quattro anni che ha presenti le “signore” della mamma, che pensa a loro in questo momento difficile per tutti e probabilmente più ancora per loro”. Affinchè potesse vedere la luce , questo libro è stato curato e stampato con il contributo degli operatori di Calicantus, che si sono autofinanziati. A Calicantus stanno già raccogliendo i materiali per il secondo libro e la seconda fase del progetto è attualmente in corso.
La forte valenza di questa iniziativa di condivisione merita la giusta evidenza per come è nata e si è sviluppata, per il valore che conferisce al relazionarsi con la voce e con il cuore, che avvicina e mette in risonanza le corde dell’emotività. Il libro non era il “fine” dell’esperienza ma il compendio di ciò che questa rappresenta e ne fornisce la testimonianza attraverso una genuina creatività.
E’ un esperimento valoriale di notevole spessore e sarebbe bello che ora si facciano avanti estimatori e sostenitori economici perché la ristama della prima ed anche la pubblicazione della seconda e, forse, della terza edizione del libro possano giungere alle nuove generazioni, soprattutto nelle scuole.

Share Button

Comments are closed.