16/06/2019

 Le Donne in Rosa, che  combattono il carcinoma mammario,  si sono dedicate alla canoa, rendendola parte integrante della riabilitazione del corpo e dello spirito.

Da una passione ad un vero e proprio momento agonistico. Così, sotto la direzione di Mauro Baron del Gruppo Kayak Canoa Cordenons, ed alla Libertas Provinciale di Pordenone, grazie all’intervento attivo del presidente Ivo Neri e del responsabile della Libertas Servizi FVG Lorenzo Cella, le Donne in Rosa sono riuscite a far rinascere il Lago della Burida, che dal 26 al 28 aprile ospiterà il 1° Burida Dragon Boat & Canoe Festival.

L’evento è stato presentato martedì 9 aprile presso la sala consiliare del comune di Pordenone, in presenza degli assessori allo sport di Pordenone e Cordenons, Walter De Bortoli e Andrea Serio, e dei sindaci di Porcia e Pordenone Giuseppe Gaiarin e Alessandro Ciriani.

Un originale pacco gara spetterà a tutti i partecipanti. Si tratta di borse in stoffa, fatte a mano dalle stesse Donne in Rosa, contenente magliette personalizzate, pasta, un buono sconto del 15% presso Creazioni Annamaria, la mappa della città di Pordenone ed opuscoli informativi sul lago della Burida, sulla prevenzione e la ricerca per la cura del cancro.

Saranno numerosissime le imbarcazioni – dragon boat, kayak e SUP – che dal venerdì invaderanno il lago per le prove libere. Alle ore 19.00 ci si sposta tutti in centro a Pordenone per la cerimonia d’apertura, che vedrà la sfilata di un dragone cinese di oltre 20 m accompagnata da musiche orientali.

Le gare vere e proprie inizieranno invece il sabato dalle ore 15.00, per proseguire la domenica dalla mattina alle 9.00 fino al pomeriggio inoltrato, sempre presso il lago della Burida.

Ma la speciale manifestazione vuole oltrepassare i confini dello sport, offrendo anche un momento informativo sabato alle ore 17.30, prima delle premiazioni. Si terrà infatti un convegno su prevenzione, sport e salute a cura del CRO di Aviano. Per tutte le squadre che verranno da lontano, il sabato mattina è stata anche organizzata una visita turistica della città di Pordenone, a cura del Rotary Club.

Un evento così articolato ha avuto la collaborazione di molteplici partner. La manifestazione nasce infatti sotto l’egida del Coni Comitato Fvg, di Libertas, dell’International Breast Cancer Paddlers’ Commission; e gode del patrocinio dei Comuni di Porcia, di Pordenone e di Cordenons, dell’Azienda per l’Assistenza Sanitaria del Friuli occidentale, del Centro di Riferimento Oncologico di Aviano. È possibile grazie al sostegno dei Comuni di Porcia e di Pordenone, di Electrolux, della Bcc Pordenonese, del Comitato di Pordenone dell’Associazione nazionale Donne Operate al Seno, della Lilt, Annamaria Creazioni, Palagurmé, Cantina San Simone, Pastificio Luigi Tomadini, Rotary Club di Pordenone. Il sostegno offerto alla manifestazione conferma il motto delle Donne in Rosa “insieme si vince sempre”.

Share Button

Comments are closed.