18/09/2018

“Non solo il Prosecco a Conegliano e Valdobbiadene, ma anche l’occhialeria nel Bellunese, il settore dolciario a Verona, le materie plastiche a Treviso e la meccanica strumentale di Vicenza si sono guadagnati l’Oscar della crescita per fatturati ed export: segno di un Veneto che produce, sa fare gioco di squadra tra imprese e territorio e sa creare prospettive di sviluppo non solo per sé ma per l’intero paese”.

Così il presidente della Regione Veneto Luca Zaia plaude agli esiti del Rapporto annuale sui distretti svolto dalla direzione studi e ricerche di Intesa San Paolo. Le performances di produttività e redditività premiano, ancora una volta, i distretti veneti, collocandone ben 8 tra i primi 15 posti della classifica che ha valutato la competitività dei 149 distretti italiani..

“Con oltre 3 mila aziende e una rete commerciale che ne ha fatto il vino più esportato al mondo – sottolinea Zaia – il distretto del Prosecco non solo si merita l’Oscar della crescita, ma è diventato ormai simbolo del primato veneto nel coniugare tradizione, ingegno e innovazione, fedeltà al territorio e dimensione internazionale”.

“E’ lo stesso mix che ha fatto crescere ai massimi livelli il contiguo distretto dell’occhialeria e gli altri distretti veneti, diventati il simbolo della ripresa della ‘locomotiva’ del Nordest. Se Prosecco, occhiali, dolci, termomeccanica e industria della plastica sono le ‘lepri’ dell’economia del Veneto nonchè dell’intero Paese – conclude Zaia – il merito sta nell’intelligenza dei nostri imprenditori, ma anche nel forte e riuscito connubio tra imprese, formazione e politiche attive di sostegno alle reti produttive, all’internazionalizzazione, alla ricerca e all’innovazione”.

Share Button

Comments are closed.