22/04/2018

L’azienda vinicola Colutta di Manzano è la prima in regione ad aver prodotto un Pinot Grigio Doc Friuli in versione Kosher in occasieon della  Pessah,  la Pasqua ebraica.  festività che celebra l’uscita dall’Egitto e l’esodo verso la Terra Promessa, e dura sette giorni in Israele e otto al di fuori dei confini di quello Stato. I primi due e gli ultimi due giorni sono feste solenni.    Tale celebrazione avviene con largo consumo di vino, perché durante le prime due cene tutte le famiglie si riuniscono per un appuntamento conviviale dove un narratore racconta l’uscita dall’Egitto.

Giorgio Colutta a Manzano ha voluto cimentarsi in questa avventura coadiuvato dalla società Bluma di Bergamo, specializzata nella vendita di vini kosher.

Giorgio Colutta Come nasce questa esperienza. Per curiosità o per oppurtunità commerciale?

 Lo staff Colutta si è attenuto alle rigide prescrizioni richieste. Un incaricato dell’ente certificatore, proveniente da Trieste, ha Vino Kosher Colutta frontesupervisionato l’intero processo. Per ottenere la certificazione più rigida e di qualità più alta si è proceduto al riempimento delle vasche di acqua per tre giorni, mentre la pigiatura e tutte le procedure sono state realizzate dagli addetti dell’ente certificatore. Alla fine di ogni giornata lavorativa, le vasche venivano sigillate e poi riaperte al momento delle altre lavorazioni. A prodotto pronto si è proceduto all’imbottigliamento, sempre con un addetto presente, e la quantità finale è stata di 3.300 bottiglie.Il risultato di questo primo tentativo è straordinario. Il vino nato da questa esperienza è di un colore giallo carico, con riflessi ramati. Ha un profumo fresco, che richiama frutti tropicali, ananas e banana. Al gusto, è un vino secco, gentile, pieno e con un sentore di artemisia.

Ma il metodo kosher influenza qualità e diversità del vino prodotto?

Continuerà questa esperienza di produzione o è un capitolo a sse stante e destinato a concludersi con la Pasqua ebraica?

La presenza fisica di delegati dell’ente certificatore che controllano e sovraintendono a tutte le fasi produttve  è necessaria? C’e la possibilità che si possa produrre sulla base di una delega fiduciaria da parte dei certificatori ebraici oppure proprio non ci sentono da questo punto di vista?

ASCOLTA IL SERVIZIO:

Share Button