17/11/2018

Il capoluogo del Medio Friuli probabilmente dal punto di vista storico, nelle battaglie durante la grande guerra, non è stata coinvolta più di tante altre località dello stivale. Rilevante il contributo che sta dando in questi anni per quanto concerne le commemorazioni.

Domenica 4 novembre, la giornata delle Forze Armate, dell’Unità Nazionale, a cent’anni dalla fine della grande guerra, ha visto indiscutibilmente la città di Codroipo partecipare, a insaputa di molti, come interprete principale.

 

 

 

 

Pensiamo alle Frecce Tricolori, la Pattuglia Acrobatica Nazionale, sono partiti per raggiungere la capitale. Verso le 10 hanno sorvolato la città di Codroipo. Poi in diretta televisiva per il passaggio sulla città di Roma, lasciarono il fumo verde, bianco e rosso sulla parata di tutte le forze armate. Rientrati in F.V.G., in volo sino a raggiungere Trieste, dove dipinsero nuovamente di tricolore il cielo di piazza Unità d’Italia, con il presidente Mattarella a presiedere la cerimonia che quest’anno rappresentava il vero cuore delle celebrazioni. Al termine di questo tour de force, sono rientrati a Rivolto di Codroipo. Intanto il 2° Stormo A.M., sempre di casa a Rivolto di Codroipo, era presente a Redipuglia per il tradizionale evento al Sacrario Militare, il più monumentale ossario d’epoca fascista.


Da Codroipo anche l’Esercito Italiano con i “Lancieri di Novara” 5° reggimento dell’Arma di Cavalleria è stato impegnato in questi giorni di grandi commemorazioni. Sabato a Paradiso di Pocenia hanno partecipato con il picchetto e una rappresentanza di cavalieri, insieme ai Lancieri di Montebello, alla commemorazione / rievocazione dell’ultima battaglia del 1918. Domenica hanno fatto il picchetto d’onore a Trieste, per accogliere il Presidente Sergio Mattarella e contemporaneamente a Codroipo, un altro picchetto con le lance nere per l’alzabandiera e la deposizione della corona al monumento ai caduti.
La presenza dei militari in servizio, affianco ai labari e agli ex commilitoni delle associazioni combattentistiche e d’arma, danno un senso di ufficialità e importanza a tutte le celebrazioni, comprese quelle nelle frazioni più piccole di Codroipo.
Marco Mascioli

Share Button

Comments are closed.